menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(Foto di repertorio)

(Foto di repertorio)

Bufera nel cantiere di igiene urbana, chiesto l'intervento della Procura e dell'Ispettorato

La Fiadel di Roccolano denuncia: "Gli operai vantano 4 mensilità, ma il Comune paga anticipatamente la ditta"

Si accendono i riflettori sulla delicata situazione del cantiere igiene urbana di Gioia Sannitica, il cui appalto ricordiamo è affidato alla Tecnew, azienda del salernitano. Del tutto infuocati sono attualmente i rapporti tra ditta, Amministrazione comunale e sindacati.

"Gli operai vantano 4 mensilità e nel frattempo il Comune eroga i canoni d’appalto anche anticipatamente. Dopo 5 incontri andati a vuoto in Prefettura, perché l’azienda non si è mai presentata, lo stesso prefetto ha invitato l’Amministrazione comunale ad adottare i poteri sostitutivi, ma come per magia il responsabile unico del procedimento ed il direttore dell'esecuzione del contratto hanno sempre pagato la Tecnew con tanto di cortesia". Questo è quanto denunciato dalla Fiadel, sindacato rappresentato dal sub commissario regionale Antonio Roccolano, il quale più volte ha richiamato l'attenzione del Comune guidato dal sindaco Giuseppe Gaetano.

"Stanno pagando un’azienda che è inadempiente contrattualmente - continua Roccolano - I vincoli del capitolato speciale d'appalto sono il rispetto delle norme sulla salute e la sicurezza dei lavoratori e del contratto collettivo nazionale di lavoro applicato. Chi deve sorvegliare e controllare mostra una grossa distrazione. Ci sono i presupposti per la rescissione contrattuale ed invece il Comune paga l’azienda anticipatamente".

Molti dunque sarebbero i problemi sul posto di lavoro che gli operai sono costretti ad affrontare quotidianamente, come sottolineato dalla Fiadel che lamenta la presenza di automezzi in pessime condizioni, l'assenza sul cantiere di servizi igienici, materiale di primo soccorso, dispositivi di protezione e vaccini anti epatite.

"Ho avuto un'accesa discussione con l'assessore Maria Rosaria Franco - conclude il sindacalista Antonio Roccolano, lamentando l'incapacità di reagire dell'Amministrazione comunale - Mi ha scandalizzato nel dire che i lavoratori hanno fatto male a rivolgersi ad un legale. Nei miei 20 anni di sindacato non mi è mai capitato di sentire queste parole, gli operatori sono prima ancora dei cittadini di Gioia Sannitica e poi lavoratori e dunque l’assessore dovrebbe tutelarli. Ancora più grave è sentire che potrebbero rischiare il posto di lavoro. Ho conosciuto un sindaco disponibile e cordiale ma solo in questa vicenda. Nel frattempo il titolare della Tecnew, nella riunione di ieri ci ha detto che se non ritirano l’azione legale, continuerà a non pagare". 

A tal proposito la Fiadel di Roccolano interverrà con l’Ispettorato del lavoro e chiederà controlli da parte dell’Asl, mentre per fine settimana depositerà alla Procura della Repubblica un’istanza: "Scriveremo all’Autorità nazionale anti corruzione per capire se tutto questo è possibile".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Covid fa un'altra vittima: muore dopo il ricovero

  • Cronaca

    Positivo un collaboratore scolastico, chiusa l’Elementare

  • Cronaca

    Cocktail, birre e assembramenti: chiuso noto locale della movida

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento