rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Attualità Capua

Rientra l'allerta fiumi: cala il livello del Volturno dopo l'esondazione

Il bollettino settimanale di Anbi Campania: anche il Garigliano in calo dopo un mese di precipitazioni persistenti

In Campania, nella giornata del 13 dicembre, si registrano - rispetto al 6 dicembre scorso – 23 cali dei livelli idrometrici sulle 29 stazioni di riferimento poste lungo i fiumi, insieme ad una invarianza, 2 incrementi e 3 dati non disponibili, con i valori delle foci condizionati da marea bassa e crescente. Rispetto a 7 giorni fa, i livelli idrometrici dei fiumi Volturno, Garigliano, Sarno e Sele risultano in deciso calo. I fiumi della Campania presentano comunque livelli elevati, a seguito di un’altra settimana caratterizzata da ingenti precipitazioni, che hanno sottoposto tutto il reticolo idrografico – principale e minore – ad un consistente carico idrico, indotto da piogge persistenti che si sono abbattute, spesso con violenza, su tutta la regione per quasi un mese senza soluzione di continuità, cosa che ha ridotto nel tempo la capacità di assorbimento dei suoli.

Risultano poi in ulteriore rialzo i volumi dei bacini del Cilento ed il Lago di Conza. E’ quanto emerge dall’indagine settimanale dell’Unione regionale Consorzi gestione e tutela del Territorio e Acque Irrigue della Campania (Anbi Campania) che compila il presente bollettino interno, contenente i livelli idrometrici raggiunti dai principali corsi d’acqua nei punti specificati ed i volumi idrici presenti nei principali invasi gestiti dai Consorzi di bonifica della regione e – per il lago di Conza - dall’Ente per l’irrigazione della Puglia Lucania e Irpinia.

Il fiume Garigliano presenta livelli idrometrici inferiori a quelli di una settimane fa sia a Sessa Aurunca (-48 centimetri) che a Cassino (-3 cm). Il Volturno rispetto a una settimana fa è da considerarsi in calo, per la diminuzione dei volumi provenienti dal dall’alta valle in Molise e parzialmente anche dalla valle del Calore Irpino. La riduzione di livello a Capua (-29 centimetri), riporta il maggiore fiume meridionale a +87 centimetri sullo zero idrometrico. Infine, il fiume Sele è in calo, specie nel basso corso, rispetto a una settimana fa, con in evidenza Albanella (-395 centimetri). Per quanto riguarda gli invasi, quello sotteso alla diga di Piano della Rocca su fiume Alento appare in deciso aumento sulla settimana scorsa a circa 18,6 milioni di metri cubi e contiene il 75% della sua capacità e con un volume superiore del 10,66% rispetto ad un anno fa.

L’Eipli ha aggiornato i volumi dell’invaso di Conza della Campania al 10 dicembre 2021 e sul 6 dicembre risulta in aumento di oltre 10,3 milioni di metri cubi e con circa 34,3 milioni di metri cubi presenta una scorta idrica consistente, ma non confrontabile allo scorso anno, per mancata pubblicazione dei dati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rientra l'allerta fiumi: cala il livello del Volturno dopo l'esondazione

CasertaNews è in caricamento