Attualità

Buche ‘killer’ e aggressioni di randagi, in 5 chiedono risarcimento al Comune

L'Ente chiamato a difendersi dinanzi al giudice di pace: nominato l'avvocato difensore

Il Comune di Caserta e la problematica delle buche stradali

Le 'buche killer' e i cani randagi non danno tregua al Comune di Caserta. L'Ente di piazza Vanvitelli, guidato dal sindaco Carlo Marino, è stato infatti ancora una volta chiamato a comparire dinanzi al giudice di pace per ben 5 richieste di risarcimento danni subiti dagli automobilisti a causa delle voragini presenti sul manto stradale e dai pedoni aggrediti dai cani randagi. 

Sono quattro gli incidenti stradali provocati dalle buche (non segnalate e non visibili) e per i quali ora il Comune è chiamato a rispondere in tribunale. Essi si sono verificati in quattro strade diverse: via San Leuciovia SS7 Appia, sottovia di viale Carlo IIIvia Borsellino/via Sant'Augusto. Mentre un'altra causa riguarda le lesioni subite da un cittadino a seguito di un’aggressione da parte di un cane randagio avvenuta il 9 agosto di quest'anno nei pressi dell’area antistante il cimitero del Capoluogo.

Insomma una brutta tegola per il Comune di Caserta, che ora dovrà tutelare i propri interessi in tribunale. A tal proposito il dirigente comunale del settore Amministrativo, Salvatore Massi, ha conferito l'incarico all'avvocato Lidia Gallo di difendere il Comune nei cinque giudizi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buche ‘killer’ e aggressioni di randagi, in 5 chiedono risarcimento al Comune

CasertaNews è in caricamento