Giovedì, 18 Luglio 2024
Attualità Casal di Principe

Brucellosi, gli allevatori tornano ad occupare le strade

Annunciata una manifestazione per l’11 marzo

La lotta degli allevatori casertani sull’emergenza brucellosi torna nelle strade.

L’assemblea degli allevatori bufalini riuniti a Casal di Principe il 24 febbraio, ha deciso di organizzare una manifestazione per sabato 11 marzo “e sarà solo l’inizio di una nuova fase della mobilitazione per ottenere che la politica dia le risposte e finalmente si risolva il problema della Brucellosi e della TBC bufalina togliendo, così, l’alibi a chi in questi anni sta usando una inesistente emergenza sanitaria gonfiata ad arte per schiacciare il territorio casertano, tenere in ostaggio la grande risorsa strategica della mozzarella di bufala, lucrare sulla pelle del territorio, degli animali, dei consumatori e della comunità” si legge in una nota. La manifestazione si svolgerà nelle strade dell’area cluster della Provincia di Caserta.

L’11 marzo, aggiungono, “sarà ancora una volta manifestazione popolare convocata in occasione della ricorrenza del tradimento che la Regione Campania ha consumato in danno degli allevatori e dei suoi cittadini. Sarà il giorno della vergogna delle istituzioni, una vergogna che ormai non può essere nascosta in alcun modo grazie alla tenace, continua e democratica iniziativa degli allevatori di bufala del casertano, dei loro alleati e di quanti ne stanno sostenendo le ragioni. Abbiamo chiesto ai Parlamentari italiani di aprire una Indagine Conoscitiva per verificare la situazione e le proposte per superare la crisi. Abbiamo chiesto al Parlamento Europeo di intervenire con i suoi strumenti per verificare cosa abbiano prodotto dieci anni di pratiche di emergenza della Regione Campania sostenute dal Governo Italiano e per richiamarle ad applicare rigorosamente le regole comunitarie”.

Il Movimento ‘Salviamo le Bufale’, ad un anno di distanza dal tradimento degli impegni della Regione Campania, torna a chiedere “l’incontro ai Ministri dell’Agricoltura e della Sanità ed anche anche al Ministro dell’Interno nel convincimento profondo che la conservazione della pace sociale abbia a fondamento il riconoscimento dei diritti e il ruolo responsabile delle istituzioni. Ai Ministri competenti chiediamo che facilitino l’apertura di un Tavolo di confronto in cui gli allevatori possano portare le istanze che continuiamo ad avanzare e che le stesse forze politiche della Maggioranza si sono impegnate a sostenere in molte occasioni in questo anno di iniziative sia nel dibattito regionale che nazionale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brucellosi, gli allevatori tornano ad occupare le strade
CasertaNews è in caricamento