Boss ai domiciliari, Del Monaco: "Se malati verranno curati in cella"

Il deputato maddalonese interviene nella polemica: "Assurdo chiedere le dimissioni di Bonafede"

"Se malati verranno curati come giusto che sia, ma continuando a pagare per i loro reati come previsto dalle sentenze, in carcere fino all’ultimo giorno". Così il deputato di Maddaloni Antonio Del Monaco che interviene sulla questione delle scarcerazioni dei boss, tra cui Pasquale Zagaria fratello del capoclan dei Casalesi Michele Zagaria, che ha avuto strascichi polemici che hanno portato alle dimissioni del capo del Dap Francesco Basentini.

"La possibilità degli arresti domiciliari di cui stanno beneficiando, volta per volta, nomi noti della criminalità organizzata sta lasciando senza dubbio tutti più che basiti. È inaccettabile che sia concesso tale privilegio ad ex boss della mafia e della camorra. L’argomento è stato già oggetto di alcune mie riflessioni, ma vorrei aggiungere un ulteriore mio disappunto nato a seguito della trasmissione di Giletti “Non è l’Arena”, andata in onda domenica 3 maggio - scrive Del Monaco in una nota - Il continuo attacco al Dap, per le mancate risposte di quest’ultimo al Magistrato di Sorveglianza di Sassari in merito alla recente questione Zagaria, mi ha lasciato piuttosto perplesso: è impensabile accusare esclusivamente il Dap quando ciò che andrebbe considerato è un evidente concorso di colpa, giacché questi atti di scarcerazione hanno riguardato anche le magistrature di Milano e non solo".

Per Del Monaco "la mancata collaborazione è giusto che rispondano entrambe le parti, perché è impensabile sostenere il contrario, laddove molte sono le cose ancora da chiarire in questa delicata vicenda. Giletti, col suo agguerrito “processo” unilaterale non ha portato un esempio di buon giornalismo in TV, salvaguardando ostinatamente la Magistratura e condannando il Dap. Quando viene a mancare la comunicazione tra tutte le parti in causa è logico presumere che l’errore non stia solo da una parte. Il dibattito in trasmissione si è valso poi della telefonata del noto magistrato Nino Di Matteo, per il quale nutro stima e ammirazione. Durante il suo intervento, però, comunica alcune sue perplessità in merito all’operato di alcuni organi dello Stato, lasciando addirittura trapelare che un Ministro della Repubblica possa essere stato in qualche modo condizionato, forzato ad agire a favore della criminalità. Di Matteo, dunque, decide improvvisamente, dopo due anni, di dichiarare cose gravissime, gettando altra benzina sul fuoco".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E il fattore Di Matteo "ha fatto immediatamente gola al centrodestra che, senza pensarci un solo istante, ha cavalcato l’onda presentando una mozione di sfiducia contro il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, a prima firma dei capigruppo di Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia in Senato con la quale si chiedono le dimissioni del Guardasigilli. Trovo l’accusa del tutto fuori luogo, un vile attacco gratuito. Viviamo una crisi senza precedenti, venutasi a creare per questa inaspettata e disastrosa emergenza sanitaria, per la quale l’intero Paese sta combattendo una dura battaglia. C’è grande bisogno di coesione e collaborazione per superare questa delicatissima fase delle nostre vite, e dunque non credo che alimentare polemiche, creare altro caos, sia il modo più onesto di agire, soprattutto se cinicamente finalizzato a generare sfiducia nel Governo da parte dei cittadini. Non è dunque crocifiggendo il Dap o i suoi funzionari che i problemi vengono risolti, tantomeno il ministro Bonafede, che ha proposto un decreto, un vincolo normativo, a cui sono completamente favorevole, per ripristinare l’immediato rientro di questi criminali nel solo luogo che spetta loro: il carcere duro del 41bis. Non c’è problema di salute che tenga: gli arresti domiciliari non sono contemplati per personaggi come Zagaria, Bonura, Iannazzo o il feroce La Rocca. Fine pena o no, se malati verranno curati come giusto che sia, ma continuando a pagare per i loro reati come previsto dalle sentenze, in carcere fino all’ultimo giorno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Francesco Martucci è il miglior pizzaiolo d'Italia: al secondo posto l'altro casertano Franco Pepe

  • De Luca a 'Porta a Porta' lancia l'ultimatum: "Penultima ordinanza prima di chiudere tutto"

  • Tempesta nel casertano: abbattuti cartelloni pubblicitari ed alberi, volano anche pezzi di tetto | FOTO

  • Una casertana sbanca il programma di Gerry Scotti: vinti 55mila euro

  • “Avremo 5mila contagi in 4 settimane”, l'allarme di De Luca

  • Nel casertano si torna a morire e c'è un nuovo picco di contagi per Covid-19

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento