Bonificato il quartiere dei Liparoti nel parco della Reggia | FOTO

L'ex villaggio dei marinai sarà trasformato in punto di accoglienza sperimentale del Parco Reale

L'area era ricoperta da rifiuti e materiale di vario genere

Restituire il patrimonio della Reggia di Caserta alla collettività, i Liparoti liberati da anni di incuria e degrado. La direzione dell'istituto museale ha avviato e portato a termine una serie di iniziative finalizzate a curare, manutenere e salvaguardare gli spazi del Complesso vanvitelliano, in molti casi dimenticati o maltenuti da decenni. Il "quartiere" Liparoti venne costruito all'interno del bosco vecchio a partire dal 1769 per accogliere i marinai di Lipari adibiti, per la loro esperienza, alla cura della flottiglia che stazionava nella Peschiera Grande realizzata poco distante. Una parte di esso, fino al 2016, è stata occupata da ex custodi della Reggia di Caserta che risiedevano al suo interno.

Negli ultimi mesi la zona è stata oggetto di un impegnativo intervento di pulizia e sgombero. L'area all'aperto, di circa 1500 metri quadrati, era ricoperta da rifiuti e materiale di vario genere fagocitati dalla vegetazione. Lo spazio, al confine con il territorio di Ercole e di Casagiove, presentava baracche e manufatti temporanei abusivi, realizzati in lamiera e con oggetti di recupero di ogni tipo. Recinzioni, depositi attrezzi, pollai e altri ricoveri per animali insistevano su tutta la superficie. Dopo aver bonificato l'intera estensione dalle piante infestanti, dalle sterpaglie e dai rovi sono stati rinvenuti macerie edili, metallo, plastica e amianto. La superficie presentava, inoltre, sprofondamenti, buche e avvallamenti. Entro la fine dell'anno tutti i materiali verranno smaltiti ad opera di una ditta specializzata. Si è, invece, già provveduto alla rimozione delle alberature pericolanti e l'intera superficie esterna è stata messa in sicurezza.

A conclusione del restauro della Peschiera Grande, anche contestualmente a rilevanti interventi sul patrimonio vegetale del Bosco Vecchio, l'area all'aperto del quartiere dei Liparoti sarà accessibile al pubblico. Nell'ambito del terzo lotto dei lavori del Piano Stralcio “Cultura e Turismo” Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2014-2020, il cui bando di progettazione è previsto per il 2021, poi, la zona e gli edifici storici ancora presenti saranno oggetto di un'importante opera di riqualificazione e valorizzazione. L'ex villaggio dei marinai sarà trasformato in punto di accoglienza sperimentale del Parco Reale e, per la prima volta, dunque, destinato alla fruizione e ad attività laboratoriali ed educative. Il quartiere, però, tornerà nell'immediato a vivere grazie al progetto "Horticultura", già avviato, prima della chiusura per Covid-19, in un'altra zona del Parco Reale. Un progetto di partenariato pubblico-privato quale strumento per contrastare l’abbandono scolastico e la povertà educativa e stimolare la cittadinanza attiva. HortiCultura è stato selezionato da "Con i Bambini" nell’ambito del fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Per attuare i programmi del fondo è nata l'impresa sociale "Con i Bambini", organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione "Con il Sud". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato il dj Joseph Capriati: il padre arrestato per tentato omicidio

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • Joseph Capriati operato in ospedale. Ricostruita la lite in casa col padre

  • Caserta in ansia per Joseph Capriati, il dj più famoso da Ibiza agli Usa

  • Scuole chiuse, altri 3 sindaci firmano l'ordinanza di proroga

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

Torna su
CasertaNews è in caricamento