menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il fiume Garigliano a Sessa Aurunca

Il fiume Garigliano a Sessa Aurunca

Due settimane senza pioggia, ma il livello dei fiumi è ancora sopra la media

Volturno e Garigliano continuano a presentare valori medi più elevati degli scorsi anni

Dopo due settimane di assenza delle precipitazioni nella giornata del 1° marzo 2021 i principali fiumi della Campania registrano livelli idrometrici leggermente inferiori a quelli della settimana scorsa in 19 delle 29 stazioni di riferimento. E per la sesta settimana consecutiva i dati idrometrici di giornata di tutti i maggiori fiumi della regione sono superiori alla media del quadriennio 2017-2020 in 5 degli 8 principali idrometri per i quali è disposto il confronto con i dati degli anni scorsi. In lieve ripresa i volumi del lago di Conza della Campania e in calo gli invasi del Cilento. Chiuse le paratoie della traversa di Capua del Ponte Annibale sul Volturno, il bacino ha raggiunto la linea di massimo invaso. E’ quanto emerge dall’indagine settimanale dell’Unione regionale Consorzi gestione e tutela del Territorio e Acque Irrigue della Campania (Anbi Campania).

Il fiume Garigliano presenta livelli idrometrici inferiori a quelli della settimana precedente, in evidenza Sessa Aurunca con 30 centimetri in meno in una settimana. Questo fiume continua a presentare valori medi più elevati degli scorsi anni, specie a Sessa Aurunca: +92,3 centimetri sopra la media del periodo. Anche il fiume Volturno vede una diminuzione dei livelli idrometrici rispetto a quelli raggiungi la scorsa settimana, significativo il calo di 42 centimetri a Capua centro in una settimana. Questo fiume ha diffusi valori sopra la media del quadriennio precedente, con la stazione di Amorosi che registra 14 centimetri sopra la media del periodo di riferimento. Non è possibile stimare la differenza su Capua centro, dove mancano dati sufficienti. Infine il fiume Sele che decresce rispetto alla scorsa settimana, con in evidenza i 21 centimetri in meno di Albanella. Il Sele presenta tutte le principali stazioni idrometriche (tranne la foce) con valori superiori alla media del quadriennio precedente, con Albanella che ha toccato i 23 centimetri sopra la media del periodo.

Per quanto riguarda gli invasi, la diga di Piano della Rocca su fiume Alento scende a poco più di 24, milioni di metri cubi e contiene il 97% della sua capacità, in calo sulla settimana precedente di 564.067metri cubi, ma con un volume superiore di oltre il 69,2% rispetto ad un anno fa. L’invaso di Conza della Campania sull’Ofanto aumenta rispetto alla settimana scorsa di poco meno di mezzo milione di metri cubi, e con oltre 44,1 milioni di metri cubi presenta un surplus di quasi 9,5 milioni rispetto allo scorso anno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento