Nuovo posto per il biodigestore: "Scelta ancora peggiore di Ponteselice"

I consiglieri Naim ed Apperti presentano interrogazione. Miccolo: "Gli odori raggiungeranno diverse zone del Capoluogo a causa dei venti"

La zona che secondo 'Speranza' sarebbe impattata dagli odori dell'impianto

Una interrogazione per chiarire quali sono le motivazioni che hanno spinto l’amministrazione comunale di Caserta a ‘ripensare’ le proprie scelte relative alla realizzazione dell’ormai famoso biodigestore da 40 tonnellate annue di rifiuti inizialmente previsto nella zona Asi di Ponteselice. Questo l’intento dei consiglieri di Speranza per Caserta Norma Naim e Francesco Apperti che hanno protocollato il documento indirizzandolo all’attenzione del primo cittadino Carlo Marino, e dell’assessore all’Ambiente Franco De Michele

La vicenda dell’impianto risale ormai al 2017 quando la Regione Campania ha stanziato notevoli risorse per realizzare, in tutto il territorio regionale, gli impianti per il trattamento della frazione umida dei rifiuti. Solo negli ultimi giorni, dopo le proteste della cittadinanza e i ricorsi alla giustizia amministrativa, l’amministrazione ha deciso di vagliare la possibilità di realizzare l’impianto, che servirà a raccogliere i rifiuti da decine di comuni della provincia accanto ad una ez cava. 

“Ci piacerebbe sapere dall’amministrazione comunale - chiarisce la capogruppo di Speranza per Caserta, Norma Naim - come mai si sta ipotizzando uno spostamento dell’impianto senza metterne a conoscenza il consiglio comunale, impegnando ulteriori e ingenti risorse pubbliche per incarichi di indagine su un territorio già sottoposta a vincolo idrogeologico per rischio frana. Senza contare - continua Naim - che in attesa del giudizio del Consiglio di Stato sollecitato da noi e dai comitati cittadini sulla precedente localizzazione a Ponteselice, l’amministrazione aveva già affidato la progettazione definitiva dell’impianto”. 

“Ci lascia sempre più basiti ed increduli la persistente ostinazione di questa amministrazione a trovare un angolino del nostro territorio comunale adatto a piazzarci questo impianto - sostiene il consigliere comunale Francesco Apperti - Arrendetevi. Questo posto semplicemente non esiste, lo ribadiamo da anni, giacché nel 1996 il suolo casertano fu giudicato inidoneo ad ospitare qualsiasi impianto di trattamento rifiuti da un organismo terzo, la struttura tecnica presso la Prefettura”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Necessità di chiarezza che, comunque, non placa le polemiche e porta Speranza per Caserta a contestare la nuova localizzazione individuata dal dirigente Francesco Biondi in zona Santa Lucia. “La nuova area scelta è ancora meno adatta di Ponteselice - chiarisce il coordinatore Michele Miccolo - se nella zona Asi il problema erano le cosìdette ‘case sparse’ e la vicinanza alla Reggia di Caserta, ora si intende lavorare 40mila tonnellate di umido dove insiste una larga fetta della popolazione casertana, con il rischio concreto di minacciare la salute dei residenti di Tuoro, Garzano, del parco Cerasole e del parco degli Aranci oltre che della già martoriata San Clemente, da decenni alle prese con l’annosa gestione dei fronti di cava. Senza contare che verrebbe direttamente coinvolta anche l’area del futuro Policlinico. Una scelta scriteriata e compiuta senza confronto politico a danno della salute dei cittadini proprio in un momento in cui l’epidemia da Coronavirus ha finalmente portato le istituzioni nazionali a ragionare sempre più del diritto alla Salute e della tutela dell’Ambiente. In attesa di conoscere maggiori notizie dall’amministrazione comunale è bastato sovrapporre la grafica dell’impatto odorigeno dell’impianto a Ponteselice alla nuova localizzazione per capire il disastro che questa amministrazione sta provocando con gran danno della salute e del portafoglio dei casertani. Chi vive nella periferia est - conclude Miccolo - sa bene che i venti sono certamente più forti che in zona Asi quindi lo scenario che ipotizziamo è senza dubbio ben peggiore di quello che la nostra ‘sovrapposizione’ grafica delinea. E’ scontata la nostra opposizione in ogni sede competente a questo ennesimo sfregio alla salute dei casertani”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il contagio dilaga nel casertano: 4 morti e 576 nuovi casi. Positivo un tampone su 3

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • Zona rossa, nuova ordinanza del sindaco: "Vietato circolare in auto ed a piedi nella zona urbana"

  • De Luca firma un'altra ordinanza dopo il DPCM di Conte: aperti solo nido e asili, Elementari e Medie con la Dad

  • Caserta piange altre 4 vittime ricoverate col coronavirus. Balzo dei contagi: altri 430 positivi

  • Troppi contagi: "Marcianise sarà dichiarata zona rossa"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento