Biodigestore, Del Monaco sfida Marino al confronto pubblico

Il deputato del Movimento 5 Stelle accusa il sindaco: "Scelta discutibilissima"

Il biodigestore sorgerà in località Ponteselice

Un confronto pubblico con il sindaco di Caserta Carlo Marino per discutere del biodigestore che dovrà sorgere in località Ponteselice, nella zona Asi del Capoluogo. E' quanto ha richiesto il deputato Antonio Del Monaco che ha ribadito il suo secco no ad una scelta che definisce "discutibilissima", cioè quella di installare un impianto per lo smaltimento di 40mila tonnellate di rifiuti organici a 500 metri (in linea d'aria) dalla Reggia di Caserta.

Un progetto sul quale sembra esserci il placet anche del "Presidente dell'Ato, nonché sindaco di Santa Maria Capua Vetere Antonio Mirra" che ha avallato la costruzione di "4 impianti" che "saranno collocati in diverse zone per smaltire i rifiuti umidi: Ponteselice, Cancello e Arnone, Casal di Principe e un altro sito da individuare", riferisce Del Monaco. "Quattro piccoli mostri di cui non sentivamo certo la mancanza - prosegue - L'insistenza di Marino, la ferrea costanza nel rimarcare a più riprese la volontà di collocare il biodigestore a Caserta, in luoghi del tutto inappropriati, deve necessariamente avere alla base forti motivazioni. Quali sono e perché? La Sovrintendenza, mi chiedo, ha dato parere favorevole, ha dato il permesso, considerando che non distante da Ponteselice c'è il sito Unesco della Reggia vanvitelliana di Caserta? È stato progettato un piano di fattibilità? Dubbi e perplessità non danno tregua".

Inoltre, rivela ancora il deputato maddalonese "va tenuto conto che per un'impresa del genere saranno stanziati e spesi soldi pubblici, nella totale incuranza delle continue proteste di chi sta tentando di ostacolare in ogni modo il progetto che vede Marino e De Luca a braccetto, finalmente soddisfatti del risultato ottenuto. Un risultato da molti ritenuto sbagliato a ragion veduta: è di poche settimane fa, non a caso, la notizia di un bambino della località Foce, presso Sarno, ricoverato al pronto soccorso a causa dei nauseabondi miasmi derivati dal biodigestore in funzione. Vogliamo fare finta di nulla? I danni causati da impianti del genere sono innegabili, e di varia natura, ambientale, economica, turistica".

Del Monaco ha ribadito come sia lui sia "tutto il Movimento 5 Stelle, da sempre, ci battiamo affinché errori-orrori del genere non vengano fatti: siamo contrari al biodigestore, tanto più alla collocazione di un'opera del genere nella città di Caserta, laddove i soldi pubblici andrebbero spesi per ben altre opere di riqualificazione del territorio: giardinetti e ville comunali abbandonate al degrado e all'accumulo di rifiuti; percorsi a ostacoli a causa di buche simili a voragini in più punti del manto stradale; brevi e minuscole piste ciclabili senza alcun criterio e protezione; interi quartieri dimenticati, parcheggi non custoditi. Caserta vive un vero e proprio periodo di oscurantismo, e la priorità del sindaco Marino continua ad essere una soltanto: la costruzione di un biodigestore che causerà diversi danni alla città e alla popolazione. Gli ambientalisti non hanno fatto mistero delle loro preoccupazioni. Abbiamo bisogno di vederci chiaro, abbiamo bisogno di risposte immediate, senza inutili giri di parole".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di qui la richiesta du un confronto pubblico "affinché si possano comprendere a pieno le motivazioni a supporto di questa discutibile scelta, ormai a quanto pare approvata all'unanimità, e tentare di affrontare concretamente tutte le importanti problematiche di cui pare si continui a non tener di gran conto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il coprifuoco di De Luca: stop agli spostamenti fra le province, attività chiuse dalle 23

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • Troppi contagi: "Marcianise sarà dichiarata zona rossa"

  • Il contagio dilaga nel casertano: 4 morti e 576 nuovi casi. Positivo un tampone su 3

  • De Luca firma un'altra ordinanza dopo il DPCM di Conte: aperti solo nido e asili, Elementari e Medie con la Dad

  • Nuovo record di contagi in un giorno: 321 nuovi casi e 2 morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento