rotate-mobile
Attualità Gricignano di Aversa

Ritorna l'incubo biodigestore: il Consiglio di Stato dà ragione ad Ambyenta

Si ritorna al Tar della Campania: ritenute troppo 'deboli' le motivazioni della Regione Campania

Torna con prepotenza l’incubo del biodigesore. Una sentenza del Consiglio di Stato ha creato di nuovo il panico e la paura dell’impianto nella zona industriale della città gricignanese. Gli ‘Ermellini’ infatti hanno accolto il ricorso avanzato da “Ambyenta Campania” contro il parere negativo della Regione Campania rimettendo al Tar il merito e ordinando una veloce fissazione dell’udienza. Proprio dinanzi al tribunale amministrativo campano “Ambyenta” lo scorso luglio aveva perso un altro round. Ora il Consiglio di Stato, a cui si è appellato Ambyenta, ritiene che, ad un primo esame, “sussistono elementi di fumus bonis iuris in relazione al primo motivo d’appello con il quale è dedotto l’eccesso di potere per difetto di istruttoria e di motivazione del provvedimento di diniego del Consorzio Asi, laddove, invece, le Amministrazioni preposte alla tutela della salute e dell’ambiente hanno espresso pareri favorevoli, per le parti di propria competenza, al progetto di impianto per cui è causa”.

Ritenuti sussistenti anche i profili del “danno grave irreparabile” in relazione al termine di scadenza del 30 settembre 2022, decorso il quale la “Ambyenta” perderebbe la disponibilità delle aree, il Consiglio di Stato ha accolto l’istanza cautelare, ordinando al Tar la sollecita fissazione dell’udienza di merito. “Restiamo vigili e seguiamo la vicenda attraverso il legale incaricato dal Comune, l’avvocato Fabrizio Perla, e, come sempre, aggiorneremo passo passo la cittadinanza”, fa sapere il sindaco Vincenzo Santagata.

In allerta anche il Comitato #NoBiodigestore che commenta: “Forzate, a nostro avviso, le considerazioni alla base della decisione. Purtroppo, i punti deboli del diniego della Regione Campania, fortemente evidenziati dal nostro comitato a conclusione della conferenza dei servizi, quali i pareri per nostro parere ingiustamente positivi di Asl, Arpa e Via, ora potrebbero rimettere in gioco Ambyenta. Inattaccabili le tantissime criticità ambientali e difetti procedurali evidenziati durante le conferenze dei servizi. Criticità che sanciscono, l’impossibilità di installare un di tale impianto in un contesto già ampiamente compromesso”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ritorna l'incubo biodigestore: il Consiglio di Stato dà ragione ad Ambyenta

CasertaNews è in caricamento