menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Biodigestore, consigliere fa le pulci ai documenti: "Affare milionario"

E intanto arriva dalla Regione un progetto per la realizzazione di un altro impianto in località Tavernette

Il consigliere comunale di opposizione di Marcianise, Alessandro Tartaglione, fa le pulci ai documenti del biodigestore che potrebbe sorgere nella zona industriale di Gricignano di Aversa. E sottolinea che si tratta di un "affare da milioni di euro". Il consigliere si è andato a leggere la richiesta di nulla osta all'insediamento da parte di Ambyenta Campania Spa (la società che vuole realizzare l'impianto) al Consorzio Asi di Caserta ed è emerso che "la società Ambyenta Campania Spa è stata costituita il 22 giungo 2020 con capitale sociale di 1 milione di euro (950mila euro di proprietà di Sersys Ambient Srl e 50mila euro Progest Spa di Gricignano d’Aversa), la sede legale è a Rivoli (Torino); il management è così composto: Marco Steardo (Presidente Consiglio di Amministrazione), Luca Alifano (Amministratore Delegato), Giuseppe Capece (Consigliere), Thierry Di Maggio (Consigliere), Alessandro Prenna (Consigliere), Martin Beufils Christophe (Consigliere)".

Biodigestore1-2

Si parla anche di assunzioni: "La società prevede di assumere 20 persone di cui 14 operai, 4 impiegati e 2 quadri". Ambyenta Campania Spa ha sottoscritto un contratto preliminare per l’acquisto del terreno su cui dovrebbe insediarsi l’impianto con due società: l’Infraedil Srl per 1.824.200 euro oltre Iva, di cui 300.000 euro a titolo di caparra (che rimarrebbe comunque alla Infraedil se la Ambyenta Campania non riesce ad avere l’autorizzazione a costruire l’impianto entro il 20 giugno 2022) e l’Immobiliare Grecini Srl per 2.175.800 euro. "L’investimento per la realizzazione del Biodigestore sarà di circa 40 milioni di euro, prevedendo "liquidità annue" di circa 6,5 milioni di euro ed il break even point (recupero delle risorse investite) in circa 6 anni: nel mentre ragioniamo sul Biodigestore è arrivata una richiesta da parte della società Antonio S.r.l., sempre alla Regione Campania, di verifica di assoggettabilità a VIA (Valutazione Impatto Ambientale) per un progetto di ampliamento di un impianto di recupero rifiuti tessili che si trova nella Zona ASI di Marcianise Località Tavernette".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quaterna da sballo ad Aversa: vinti 120mila euro

Attualità

Il Tar annulla l'ordinanza di De Luca sulla chiusura delle scuole

Attualità

Maestra positiva al Covid: chiusa la scuola

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento