rotate-mobile
Attualità Santa Maria Capua Vetere

L'opposizione risponde al sindaco: "Il bilancio presentato è un insulto alla città"

Aveta contro Mirra: "Il monarca si sente oltraggiato"

Non si placano le polemiche seguite al consiglio comunale di Santa Maria Capua Vetere. Dopo la decisione dell'opposizione di disertare la seduta, il sindaco Antonio Mirra ha fortemente criticato l'atteggiamento del gruppo guidato da Raffaele Aveta e composto anche dai consiglieri Italo Crisileo e Danilo Talento. Non è mancata la replica di Aveta che ha direttamente attaccato il primo cittadino e il suo comportamento: "Siamo alle solite. Il monarca non accetta il dissenso".

Raffaele Aveta, capogruppo di “Alleanza per la città - M5S - Verdi”, sottolinea, in merito alla scelta di disertare il Consiglio: "La nostra è stata una decisione legittima, per quanto sofferta. Ma, si sa, il sindaco perde le staffe quando viene criticato. Guai a dirgli che questo bilancio è frutto di miopia, guai a dirgli che in sei anni è stato un susseguirsi di previsioni mai avverate. La sua risposta, come spesso accade, è scomposta e inappropriata. A critiche di natura politica e programmatica replica sul piano personale, cercando di screditare i suoi avversari e impartendo lezioncine di democrazia che, francamente, non può proprio permettersi, visto come gestisce il consiglio comunale come se fosse una propaggine del suo ego smisurato o come attacca pubblicamente i giornali che osano dare spazio alle voci dissenzienti. Mirra evidentemente non è abituato ad avere un’opposizione, si sente oltraggiato da qualsivoglia critica come se fosse un monarca assoluto".

Sul piano dei contenuti, il leader dell’opposizione insiste: "I documenti presentati in consiglio comunale sono inadeguati sotto ogni profilo, sono privi di una idea di sviluppo della città, sono carenti di una visione della Santa Maria Capua Vetere del futuro. Le parole del sindaco, oltretutto, sono la prova evidente che lui stesso non crede agli atti che vota e che fa votare: ironizzare sulla denominazione di origine comunale, che è stata approvata all’unanimità, dimostra quanto il sindaco comprenda quello che vota, oltre a essere un insulto agli operatori del settore enogastronomico. Approvare la mozione per la candidatura a 'Capitale italiana della Cultura' e non stanziare un euro per questo progetto è una contraddizione evidente".

Quindi intervengono i consiglieri Crisileo e Talento: "Il bilancio non era emendabile, avrebbe dovuto essere riscritto da cima a fondo. E il sindaco non può certo aspettarsi che la minoranza faccia il lavoro al suo posto. Come, per esempio, quando gli abbiamo risparmiato una gigantesca figuraccia facendogli ritirare il regolamento di polizia mortuaria, nel quale abbiamo scoperto che a Santa Maria Capua Vetere c’è il mare o che è ipotizzabile anche una 'tumulazione dei feriti'. Noi, come è dimostrato da tutti i nostri interventi in consiglio comunale, almeno le carte ce le leggiamo scrupolosamente. Non siamo sicuri che il sindaco e alcuni suoi assessori facciano lo stesso".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'opposizione risponde al sindaco: "Il bilancio presentato è un insulto alla città"

CasertaNews è in caricamento