Attualità

Barbieri e centri estetici chiusi: "Tutti devono avere la possibilità di tornare a lavorare"

La proposta di Patto per Marcianise per anticipare i tempi per la riapertura

Alessandro Tartaglione

Dal 4 maggio è ufficialmente iniziata la fase 2, che restituisce maggiore autonomia ai cittadini. Patto per Marcianise, da sempre vicino alle esigenze della comunità, chiede la riapertura di tutte quelle attività commerciali per le quali la quarantena sembra avere durata maggiore. Si tratta dei centri estetici, parrucchieri, barbieri, palestre che, stando alle ultime disposizioni, dovrebbero riprendere le attività dal 1 giugno prossimo.

Si inserisce qui la proposta del gruppo Patto per Marcianise, di cui il coordinatore Alessandro Tartaglione si è reso portavoce: "Tutti dovrebbero avere la possibilità di tornare a svolgere il proprio mestiere. Rispettando le norme igienico- sanitarie e le disposizioni del Governo, qualsiasi tipo di attività dovrebbe ripartire dal 18 maggio senza distinzioni di categoria, aspettando magari un paio di settimane per monitorare la curva dei contagi". Ma non è questa l’unica proposta del Movimento. La campagna di sensibilizzazione “no mozziconi a terra”, lanciata da Striscia la Notizia su tutto il territorio nazionale, è un’altra delle attività segnate in agenda. Partecipando a questa iniziativa, infatti, l’intenzione è quella di correggere quelle abitudini sbagliate e al contempo migliorare l’ambiente in cui si vive. E l’ambiente salubre è un obiettivo che il Movimento si prefigge di raggiungere anche piantando alberi in città, utili a catturare anidride carbonica e a pulire, quindi, l’aria.

Il Gruppo Patto per Marcianise durante l’emergenza Covid-19, in collaborazione con il Comune, ha svolto un’intensa attività d’informazione volta a semplificare l’ondata di comunicazioni ed ordinanze che giungevano dal Governo. Ciò ha messo in evidenza l’utilità di aprire un canale diretto con i cittadini: "Qualora Patto per Marcianise dovesse avere successo alle prossime elezioni, sicuramente apriremo uno sportello diretto con i cittadini, affinché possano avere delucidazioni ed essere indirizzati negli uffici di competenza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barbieri e centri estetici chiusi: "Tutti devono avere la possibilità di tornare a lavorare"

CasertaNews è in caricamento