rotate-mobile
Attualità

Difesa d'ufficio, via libera dal Cnf al 'modello' Santa Maria Capua Vetere

L'ordine degli avvocati predisporrà una lista con le turnazioni dei legali "immediatamente reperibili"

Mercoledì, all’Università Pontificia di Roma, si è riunita la commissione del Consiglio Nazionale Forense che ha la Gestione Nazionale dell’elenco dei difensori d’ufficio ed è designata alla risoluzione delle problematiche afferenti tale improrogabile e costituzionalmente garantito diritto.

Presenti tutti Fori d’Italia ad una riunione di concerto finalizzata a far emergere le principali criticità e ad offrire soluzioni condivisibili sul piano nazionale. Tra i relatori Francesco Favi, consigliere nazionale nonché coordinatore della commissione Cnf in materia di difese di ufficio ed anche componente del Comitato direttivo della Fondazione dell’Avvocatura Italiana; Francesco Crisi, componente esterno della commissione Cnf in materia di difese di ufficio e consigliere ordine avvocati di Perugia; Silvia Biscaro, componente esterno della commissione Cnf in materia di difese di ufficio e vicepresidente ordine avvocati di Treviso; Silvia Egidi, componente esterno della commissione Cnf in materia di difese di ufficio e vicepresidente ordine avvocati di Perugia, Nicola Cirillo Componente Ufficio studi Cnf, consigliere giuridico ufficio di presidenza e componente tecnico/scientifico di diverse commissioni interne del Cnf, tra cui quella penale, quella in materia di difesa di ufficio nonché patrocinio a spese dello Stato.

A rappresentare il Foro di Santa Maria Capua Vetere il Consigliere Segretario Paolo Falco, penalista casertano, accompagnato dalla dipendente dell’Ordine, delegata alle difese d’ufficio, Assunta Insero. Molte le problematiche comuni a tutti i fori d’Italia. In particolare l’avvocato Falco ha sollevato il problema dei turni dei difensori d’ufficio e la necessità di armonizzare le disposizioni previste per legge dal codice di procedura penale come le reali esigenze del Foro sammaritano. Il principale problema si registra sulla necessità di far coincidere una lista nazionale, che è quella predisposta dal Cnf dopo i controlli di ogni singolo ordine professionale, e le esigenze di ogni singolo Foro, che possono essere diverse.

Da ciò deriva l’esigenza di predisporre una lista propria dell’ordine di Santa Maria Capua Vetere in cui far confluire le disponibilità dei colleghi che intendono presenziare le varie aule di udienza ed assumere la difesa “prontamente reperibile” evitando così una gestione che di fatto può pregiudicare non solo il diritto di difesa per inesperienza di chi assume la difesa ma che si traduce anche come un’occasione di lavoro per i colleghi che, inseriti nella lista del “difensore d’aula”, avranno diritto al compenso previsto per l’attività prestata in favore di chi non è munito di difensore di fiducia.

Falco nel suo intervento ha evidenziato: “la lista del difensore d’aula, che è già stata deliberata per la sua gestione diretta dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Santa Maria Capua Vetere, diventa realtà grazie all’avallo ricevuto dal Cnf. Mi rivolgo sopratutto ai giovani colleghi che potranno trovare in questa nuova gestione un’opportunità di lavoro nel rispetto delle prerogative difensive costituzionalmente previste per coloro i quali non possono permettersi un difensore di fiducia. È invero un’occasione di lavoro che non va sottovalutata e che va alimentata attraverso la formazione continua, fiore all’occhiello del nostro Ordine professionale. Esorto gli iscritti del nostro Ordine a frequentare il corso abilitante alla difesa d’ufficio che è svolto in collaborazione con la Camera Penale presso la nostra Scuola di Formazione Forense. Sono particolarmente entusiasta dell’incontro tenutosi in Roma dove l’idea che abbiamo condiviso in consiglio sotto la guida del Presidente Angela Del Vecchio, è stata molto apprezzata e verrà condivisa da molti Fori italiani. Del resto la formazione delle liste è prerogativa dell’ordine professionale e per tanto si armonizza perfettamente con l’elenco nazionale predisposto dal Cnf. Una nuova era per la difesa d’ufficio è oggi possibile", conclude.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Difesa d'ufficio, via libera dal Cnf al 'modello' Santa Maria Capua Vetere

CasertaNews è in caricamento