rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Attualità Orta di Atella

Attivisti democratici attaccano l'ex sindaco: "Meglio tacere"

Sospensione del Puc, buche e palazzetto dello sport: "Da Villano solo l'elogio del nulla"

Attivisti democratici ortesi all'attacco dell'ex sindaco Andrea Villano. Una bocciatura completa all'azione amministrativa prima dello scioglimento ed alle critiche all'operato degli organismi prefettizi che stanno gestendo il Comune. "C’è un tempo per tutto - si legge in una nota del coordinamento - Ora è il tempo della riflessione e della proposta per un paese lasciato alla deriva, a causa dell’incapacità di chi sembra “cadere dalle nubi”. Avremmo preferito soprassedere, impegnandoci, come già stiamo facendo, ad avviare un confronto, sereno e libero da ogni forma di condizionamento, con tutte le forze serie della società civile, per entrare, finalmente, nel merito e proporre soluzioni alle annose questioni che tormentano i cittadini ortesi, elevando, così, il livello del dibattito. Abbiamo scelto, quindi, il silenzio. Ma c’è un limite a tutto".

"È inutile caro ex sindaco, sciolto per infiltrazione camorristica, continuare ad arrampicarsi sugli specchi e ad inveire contro la commissione prefettizia. Se, appena dopo 6 mesi di gestione, è arrivata la commissione di accesso e, a 18 mesi dalle elezioni, è arrivata, pure, la scure dello scioglimento, la responsabilità è imputabile solo ed esclusivamente a te, alle tue scelte, agli atti ed ai componenti della tua amministrazione. Anche tu dovresti averne contezza", prosegue la nota.

Tra i motivi della polemica anche la sospensione del Puc: "uno dei primissimi atti della Commissione Straordinaria con la contestuale nomina del tecnico incaricato per la redazione di un nuovo strumento urbanistico. Anche in questa occasione, però, abbiamo assistito all’ennesima farsa messa in scena dall’ex-sindaco. Usiamo la definizione “farsa”, perché le sue uscite sono state tutte una farsa. Mistificazioni che cercano, miseramente, di giustificare il fallimento politico della sua maggioranza. Vero che, a raccontare sempre la stessa bugia, si finisce per crederci. Ma ad ogni cosa c’è un limite, oltre al quale non si dovrebbe andare. Dopo la pubblicazione della delibera, il fu sindaco non ha esitato un attimo. Si è fiondato sui social e, mistificando la realtà, ha affermato che il provvedimento confermava la linea adottata dalla sua compagine. La Prefettura dice tutt’altro. Scrive che la sospensione del PUC rappresentava, per l’amministrazione Villano, solo un modo, anche maldestro, di prendere tempo. Ma questo per il sindaco “sciolto” non conta. L’incarico ai tecnici universitari, secondo il Ministro dell’Interno, è servito solo a rinviare la palla, in attesa della fine delle indagini della commissione d’accesso. In 18 mesi sono riusciti a dimostrare soltanto la più totale inadeguatezza ed inettitudine".

E ancora. "L’amministrazione non è stata capace di intercettare un euro di finanziamento per le opere pubbliche. Ed oggi si lamenta delle strade gruviera. Solo 70 mila euro per il “grano di Atella”, di cui si aspetta, con legittima curiosità, ancora la rendicontazione. Chiusi il Palazzetto dello Sport, il Parco Giochi e numerose attività commerciali. Imbarazzante! Avremmo preferito, in un momento così delicato per la nostra comunità, che tutti facessero tesoro della lezione impartita, lavorando per ripristinare quella democrazia che è stata, per l’ennesima volta, “violentata”. Ma, dalla notifica dello scioglimento ad oggi, il sindaco “sciolto” ha continuato, imperterrito, a fare campagna elettorale (“se non sarò io, sarà un altro dei miei”) ed a collezionare, in rapida successione, una serie di magre figure. Tra le più emblematiche, che hanno fatto il giro dell’intera regione, ricordiamo il discorso di commiato “Buonanotte Orta” e la breve (per nostra fortuna) intervista alla trasmissione televisiva Report, andata in onda sulla Tv nazionale. Il silenzio sarebbe stato meglio del suo elogio del nulla".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attivisti democratici attaccano l'ex sindaco: "Meglio tacere"

CasertaNews è in caricamento