rotate-mobile
Attualità Aversa

Nuove assunzioni per l'appalto rifiuti, l'ex consigliere: "Devono essere presi dal Consorzio"

Di Virgilio: "Speriamo che l'amministrazione scelga gli aversani..."

"Con il nuovo servizio di Igiene Urbana è prevista l'assunzione di nuovi addetti che andranno ain sostituzione del personale collocato in pensione e ad integrazione del nuovo bando. Confido che si faccia tutto quanto prescritto dalla Legge Regionale 14/2016 in merito alla ricollocazione del personale già dipendente dei Consorzi di bacino". Lo afferma in una nota l'ex consigliere comnunale di Aversa Francesco Di Virgilio.

"L'articolo 44 della Legge definisce chiaramente che è fatto obbligo al soggetto affidatario di utilizzare, le unità del dei Consorzi di Bacino della Regione Campania - aggiunge Di Virgilio - Pertanto, va data la precedenza assoluta agli ex dipendenti del disciolto Consorzio Unico di bacino (CUB). Negli anni questi ex dipendenti sono stati ampiamente ed egregiamente formati dalla Regione Campania, pertanto la loro preparazione porterebbe nuova linfa vitale e grande professionalità al servizio di igiene urbana da espletarsi ad Aversa. Nel caso fosse possibile sarebbe importante rispettare la territorialità degli operatori visto che in passato ci siamo visti arrivare personale da fuori Provincia. Bisogna evitare di fare la fine di altri centri, dove gli ex dipendenti del CUB non si sono visti riconoscere i dettami impartiti dalla legge vigente, anzi si sono visti sorpassare da altre categorie. Pertanto, si auspica che l'amministrazione ponga in essere fin da quando sarà possibile e con estrema immediatezza, l'integrazione del personale operante nei servizi di raccolta differenziata nel rispetto completo della legge, significando che lo stesso art. 44 delinea, senza ombra di dubbio, che: ''...è vietato procedere a nuove assunzioni per lo svolgimento del servizio di gestione dei rifiuti fino al completo reimpiego del predetto personale''. Si rappresenta, inoltre, che sarà obbligo al gestore produrre apposita ''dichiarazione di presa d'atto'' dell'obbligatorio utilizzo del personale inserito negli elenchi stilati ed approvati dalla Regione Campania di intesa con le rappresentanze sindacali. La mancata produzione di tale dichiarazione comporta l'esclusione dalle procedure di affidamento del servizio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuove assunzioni per l'appalto rifiuti, l'ex consigliere: "Devono essere presi dal Consorzio"

CasertaNews è in caricamento