rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Attualità

Accolto il ricorso dell'associazione casertana contro le bombole difettose

Due aziende sono state condannate alla sostituzione delle apparecchiature: per ogni giorno di ritardo prevista una penale di 20mila euro

L'associazione Adusbef APS, sede di Caserta, attraverso l'avvocato Maria Teresa De Bottis, rende noto che è stata accolta dal Tribunale di Milano la prima azione inibitoria di classe in materia di salute promossa in Italia. In particolare l'Adusbef APS presieduta da Antonio Tanza e l'associazione Apnoici Italiani APS hanno avviato causa contro la Philips e la Respironics Deutschland Gmbh & Co. KG.

Queste due aziende sono state condannate a completare, entro il 30 aprile, la sostituzione dei dispositivi medici di sussidio alla respirazione di cui agli avvisi di sicurezza di giugno 2021, riguardanti i modelli di dispositivi Trilogy 100, Trilogy 200, Garbin Plus, Aeris, LifeVent, BiPAP V30 e BiPAP A30/A40 Seires e i dispositivi CPAP e PAP a due livelli, essendoci due problemi legati alla schiuma fonoassorbente in poliuretano su base poliestere (PE-PUR) utilizzata nei ventilatori Philips a pressione continua e non continua. I problemi riguardano il fatto che la schiuma in PE-PUR può degradarsi in particelle che possono penetrare nel percorso dell’aria del dispositivo e venire ingerite o inalate dall'utente, e che la schiuma in PE-PUR può rilasciare alcune sostanze chimiche.

Il ritardo accumulato nelle procedure di sostituzione dei dispositivi medici espone a rischi per la salute i pazienti apnoici, nel cui interesse l’azione di classe è stata promossa. Si tratta della prima class action in materia di salute, volta a tutelare tutti i pazienti che avevano macchinari difettosi e di cui si sono occupati anche trasmissioni televisive come Report di Rai 3. L'Adusbef ora vigilerà sull'adempimento all'ordine ed auspica una accelerazione nella sostituzione, anche alla luce della circostanza che queste società sono state condannate a pagare per ogni giorno di ritardo una penale di 20.000 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accolto il ricorso dell'associazione casertana contro le bombole difettose

CasertaNews è in caricamento