menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assegno unico per i figli, ecco chi può richiederlo e a quanto ammonta

Si attendono i decreti attuativi, il Governo ha 12 mesi di tempo per approvarli

L'assegno unico "universale" per ogni figlio fino ai 21 anni di età (e a partire dal settimo mese di gravidanza) è legge. Il via libera del Senato è arrivato martedì sera, con 227 sì, 4 astenuti e nessun voto contrario. Ora, dopo mesi e mesi di attesa, le commissioni parlamentari competenti dovranno discutere i decreti attuativi che daranno "forma" allo stanziamento dei fondi necessari. Il Governo ha 12 mesi di tempo per approvarli, ma il premier Mario Draghi ha annunciato che la misura, confermata nella Legge di Bilancio 2021, dovrebbe entrare a pieno regime dal 1° luglio 2021.

A chi spetta l'assegno unico

Il provvedimento prevede l'erogazione mensile in denaro o come credito d'imposta: un assegno per ogni figlio a carico, dal settimo mese di gravidanza e fino ai 18 anni. Andrà anche ai figli fino a 21 anni, con importo a scendere. In questo secondo caso, potrebbe essere versato direttamente ai ragazzi, a patto che siano studenti, tirocinanti o iscritti al centro per l'impiego. Si è parlato anche di detrazioni per chi ha figli sopra 21 anni. E sono previste maggiorazioni: dal terzo figlio minore, per i disabili (dal 30 al 50% in più), per le madri under 21. L'assegno unico, così come è costruito, favorisce inevitabilmente autonomi e incapienti, categorie fino a oggi escluse dagli assegni famigliari. Risulterebbero sfavoriti i lavoratori dipendenti: 1,35 milioni di famiglie perderebbero in media 381 euro all'anno secondo altre previsioni. 

A quanto ammonterà l'importo

L'assegno unico varierà tra i 50 e i 250 euro mensili per ogni figlio a carico. Tale misura economica viene definita "universale" in quanto varrà per tutti a prescindere dal reddito, anche se l’importo varierà in base alle dichiarazioni Isee. Secondo lo scenario prospettato - riferisce Today - l'80% delle famiglie italiane prenderebbe 161 euro al mese per ogni figlio minore e 97 euro per ogni figlio under 21. Il calcolo è legato alla considerazione secondo cui 8 famiglie su 10 hanno un'Isee sotto i 30mila euro. L'importo dell'assegno diminuisce se si alza l'Isee: per un Isee sopra i 52mila euro, il contributo scende a 67 euro mensili per i figli minori e a 40 euro per i figli maggiorenni ma di età inferiore ai 21 anni. Per ottenere l’assegno unico universale si dovrà avere la cittadinanza italiana o essere cittadini extracomunitari con permesso di soggiorno, oltre che risiedere e pagare le tasse in Italia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento