rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Attualità Vitulazio

Asilo e centro antiviolenza nel bene confiscato alla camorra

Il Comune incassa 1,5 milioni di euro per il recupero dell'immobile di viale Dante

L’Amministrazione comunale di Vitulazio centra un importantissimo obiettivo, portando a casa il finanziamento di 1.595.000,00 euro da investire in una struttura del territorio. Valide proposte progettuali finalizzate al recupero, ri-funzionalizzazione e valorizzazione di beni confiscati alla criminalità organizzata attraverso opere di demolizione e ricostruzione, di ristrutturazione e adeguamento per la restituzione alla collettività e reinserimento di tali beni nel circuito legale dei territori di appartenenza.

Nello specifico si tratta di un asilo nido e un centro antiviolenza con annesse dimore di solidarietà. L’intervento prevede la riqualificazione del blocco fabbricato in costruzione prospiciente su Viale Dante che si articola in due corpi di cui il corpo A è composto da un unico livello oltre ai parcheggi interrati ed il corpo B è composto da tre livelli oltre al parcheggio interrato. La trasformazione dell’immobile oggetto di intervento prevede il piano interrato destinato ai parcheggi; al piano terra la realizzazione di un asilo nido; al primo piano un centro antiviolenza femminile; secondo piano e mansarda ospiteranno residenze solidali annesse al centro antiviolenza.

“Si tratta di un progetto dall’altissimo valore sociale: sorgeranno nel nostro comune due importanti realtà pensate una per sopperire alla carenza di servizi dedicati alla prima infanzia e l’altra per garantire il diritto all’accoglienza e all’inclusione sociale. In questo modo l’Ente restituirà nuova vita agli immobili sottratti alla criminalità inserendoli nel circuito della legalità. Il riutilizzo dei beni confiscati per fini sociali si traduce anche in azioni di creazione di occupazione e di sviluppo socio-economico  locale. Voglio ringraziare i tecnici e il Presidente del Consiglio Comunale Maria Laura Venoso che sin dall’inizio di questo mandato ha seguito l’iter burocratico/amministrativo dei beni confiscati alla criminalità organizzata”. Così il primo cittadino Raffaele Russo.

L’asilo nido allocato al piano terra del fabbricato oggetto di ristrutturazione prevede una hall di ingresso, uno spazio per le attività motorie, una sala per riposo; il refettorio, la dispensa, la direzione, un blocco servizi ed un’area giochi esterna. Il Presidente del Consiglio Comunale Maria Laura Venoso ha seguito in prima persona il complesso iter della valorizzazione e rifunzionalizzazione dei beni sottratti alla criminalità organizzata. “L’Amministrazione comunale di Vitulazio è impegnata a colpire gli interessi delle mafie anche attraverso la presentazione di validi progetti relativi alla valorizzazione e all’uso per finalità sociali dei beni confiscati. Il centro antiviolenza, con annesse residenze solidali, si propone di accogliere donne sole o con figli, vittime di violenza, già in carico ad un centro antiviolenza, che pur non necessitando (o non necessitando più) di interventi ad elevato livello di protezione a garanzia dell’incolumità personale, richiedano un periodo di ospitalità in un centro dedicato, con i necessari supporti professionali. Un bellissimo progetto che vedrà in Vitulazio la nascita di una struttura destinata alla collettività per fini di utilità pubblica”. Così Venoso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asilo e centro antiviolenza nel bene confiscato alla camorra

CasertaNews è in caricamento