menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comitato per la valorizzazione del Terzo Settore in Terra di Lavoro

Caserta - Come ha sottolineato il Presidente Tommaso De Simone nella sua relazione sulle linee di attività 2011 – proposta ed approvata dagli organi camerali – "il programma annuale della Camera di Commercio di Caserta è articolato in generale...

Come ha sottolineato il Presidente Tommaso De Simone nella sua relazione sulle linee di attività 2011 - proposta ed approvata dagli organi camerali - "il programma annuale della Camera di Commercio di Caserta è articolato in generale sulle seguenti priorità strategiche:
-sostenere l'innovazione ed il rilancio competitivo dei territori, migliorando le condizioni di contesto per la rinascita ed il rafforzamento delle imprese e per il benessere diffuso;
-rafforzare il mercato e tutelare il Made in Caserta promuovendo le eccellenze del territorio nel mondo e garantendo la concorrenze e la trasparenza dei mercati" .
Nel contesto della prima priorità va colta una importante novità rispetto agli anni precedenti. Infatti, all'interno dell'Obiettivo strategico III Punto C) : "Favorire l'irrobustimento del parterre produttivo casertano", per la prima volta viene indicato e riconosciuto il ruolo fondamentale del terzo settore. Nel documento viene esplicitamente sottolineato che "negli ultimi tempi anche in provincia di Caserta si è affermata una significativa presenza di imprese non profit, che esprimono un dinamismo ed una capacità di dare occupazione altrove sconosciute".
Per sostenere questo processo di crescita l'Ente Camerale "valuterà la possibilità di costituire un Comitato per la valorizzazione del terzo settore, anche al fine di stimolare l'integrazione tra soggetti pubblici ed organismi privati impegnati nel perseguimento di interesse generali, nella piena applicazione del principio di sussidiarietà orizzontale".
In tal senso si intende incoraggiare "la nascita e lo start up di nuove imprese" (con particolare riferimento all'imprenditoria femminile, immigrata e giovanile). Inoltre, saranno varate "iniziative mirate a diffondere la cultura dell'imprenditorialità", fondate sulla ricerca e sull'innovazione tecnologica.
Per rendere concrete queste indicazioni, si è tenuto un primo incontro tra il presidente De Simone ed i portavoce del Forum Terzo Settore, che hanno rilevato la coerenza con i contenuti e gli obiettivi indicati dal protocollo d'intesa, un originale strumento di cooperazione sottoscritto in Terra di Lavoro
In questo scenario, l'attuazione del Protocollo sarà determinante per la realizzazione di alcuni degli obiettivi più qualificanti, su cui si aprirà un confronto con le forze sociali ed economiche, con le istituzioni e il mondo della cultura.
Le principali proposte per la sua attuazione sono le seguenti:
a)Ricerca economico-sociale sulla realtà dell'impresa sociale e del terzo settore in Provincia di Caserta per far emergere i dati reali della sua presenza (a partire da quelle iscritte nell'albo camerale), della dimensione e del reddito prodotto, del livello occupazionale e dei settori in cui opera. Evidenziare i settori di eccellenza ma anche di criticità in alcuni comparti.
b)Elaborare un progetto di formazione continua per quadri del terzo settore, da realizzare in modo integrato con operatori dell'ente camerale e delle associazioni (datoriali e sindacali) di riferimento . Una bozza di progetto, elaborata insieme al Forum, è già all'esame dell'Asips (Azienda speciale dell'ente camerale) per il suo varo e finanziamento.
c)Definire il tavolo di partenariato per avviare il percorso di costruzione della Fondazione di Comunità - in coerenza con gli indirizzi ed obiettivi indicati dalla Fondazione per il Sud in merito alla "infrastrutturazione sociale". La Camera di Commercio ed il Forum Terso Settore (insieme al CSV Assovoce) si propongono come promotori del partenariato, in cui coinvolgere i principali attori istituzionali, sociali, imprenditoriali e finanziari di Terra di Lavoro. Decidiamo insieme una data entro un mese.
d)Avanzare al CSV Assovoce e CONFINDUSTRIA/Confapi l'idea di un progetto per premiare le buone pratiche di collaborazione tra imprese private ed imprese sociali da ricercare sul nostro territorio.

e)Insieme al CSV Assovoce e CGIL-CISL-UIL proporre un premio per le migliori esperienze di integrazione tra mondo del lavoro e volontariato per la diffusione della cultura dell'accoglienza e coesione sociale.
Il Comitato per la valorizzazione del Terzo Settore sarà composto da un componente di Giunta Camerale e dai portavoce del FTS. Si avvarrà di competenze del mondo universitario e di esperti del settore dell'economia sociale Per dare risalto a queste innovazioni è stata fissata una prima iniziativa, che si terrà nella Sala del Consiglio dell'Ente Camerale il 10 marzo 2011 con la partecipazione del portavoce nazionale del FTS Andrea Olivero e del presidente Tommaso De Simone, in occasione dell'anno europeo del volontariato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento