menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assemblea dei soci della Circoscrizione territoriale di Banca Etica

Caserta - In data 20-12-2010, presso la sede Auser di Caserta, si è tenuta l'assemblea dei soci della Circoscrizione territoriale di Banca Etica, espressione di persone fisiche e di associazioni attive nel mondo del volontariato e della promozione...

In data 20-12-2010, presso la sede Auser di Caserta, si è tenuta l'assemblea dei soci della Circoscrizione territoriale di Banca Etica, espressione di persone fisiche e di associazioni attive nel mondo del volontariato e della promozione sociale.
La riunione è stata introdotta da Teresa Masciopinto - Segretaria dell'Area Sud, che ha illustrato i compiti e gli obiettivi del GIT (Gruppo di Iniziativa Territoriale), che viene rinnovato nella sua composizione e rilanciato anche nella nostra provincia. Infatti, nel nostro Paese la finanza etica si va espandendo e offre nuove condizioni di economia civile - più equa e solidale - a sostegno dello sviluppo locale. I GIT operano in coerenza con le scelte di forte decentramento degli organismi sociali della banca, in particolare nel Mezzogiorno, partendo dal presupposto che i soci rappresentano il vero patrimonio di Banca Etica, la sua base sociale fondata sull'etica della responsabilità e della partecipazione attiva.
Dopo un ricco dibattito in cui sono intervenuti Elia Calabrò (coordinatore GIT uscente), Pasquale Iorio (Vice Presidente di Aislo) e Rosa D'Andrea, l'assemblea è stata conclusa da Luigi Saccenti (Referente Soci Area Sud). Ai lavori dell'assemblea erano presenti 18 soci - singoli o rappresentanti di associazioni - su una base associativa di 98 aderenti operanti sul nostro territorio. Alla fine della riunione, in coerenza con il regolamento interno, è stato eletto il nuovo GIT, composto dai seguenti 11 soci: Gianni Allucci (Agrorinasce), Pasquale Iorio (Aislo), Piera F. Stabile (Araba Felice), Carlo Fedele (Anthea), Anna Cecere (Jerry E. Masslo), Antonella Zaccariello (Coop. EVA), Elia Calabrò, Renato Natale, Peppe Pagano, Roberto Musto e Letizia Maria.

La prima esigenza emersa dalla discussione è quella di dare vita ad una campagna di informazione per far conoscere più diffusamente (in primo luogo nel mondo del terzo settore e del volontariato casertano) la realtà della finanza etica sul nostro territorio, con l'obiettivo di allargare e rafforzare la base associativa.In secondo luogo, si punterà ad entrare in relazione con le reti e con le associazioni locali per sviluppare attività di carattere sociale e culturale. A tal fine è stato sottolineato che a Caserta si pongono concrete opportunità legate alle novità in campo per l'attuazione del Protocollo d'intesa tra Forum Terzo Settore e Camera di Commercio, che in questo campo rappresenta uno degli strumenti più originali ed innovativi a livello nazionale.Infine, l'azione del GIT guarderà con particolare attenzione a tutta l'esperienza avviata (in particolare in alcune zone di forte insediamento della criminalità organizzata ) con progetti di uso sociale e produttivo dei beni confiscati alla camorra, in cui sono protagoniste le istituzioni locali, con le realtà associative e del volontariato giovanile.
In questa prima fase di insediamento ed avviamento del nuovo coordinamento la sede del GIT sarà presso la sede dell'Auser a Caserta in via Verdi 22.Nella prossima riunione, convocata per il 10 gennaio alle ore 16,30, sarà eletto il Coordinatore ed un vice (così come prevedono le regole del patto associativo).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Mille “furgoni lumaca” in autostrada contro le chiusure

  • Cronaca

    Nuovi 228 positivi scoperti nel casertano. Morti 3 pazienti

  • Attualità

    Senatore casertano positivo al coronavirus

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento