menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dibattito sull'emergenza rifiuti organizzato da 'AttivaMente'

Caserta - L'Associazione AttivaMente ha inaugurata la sua attività con un dibattito sul tema: " L'emergenza rifiuti è effettivamente cessata il 31/12/2009? Quali sono le prospettive nell'immediato futuro?"Il dibattito si è svolto a Capua, nella...

L'Associazione AttivaMente ha inaugurata la sua attività con un dibattito sul tema: " L'emergenza rifiuti è effettivamente cessata il 31/12/2009? Quali sono le prospettive nell'immediato futuro?"
Il dibattito si è svolto a Capua, nella sede dell'Associazione sita in via Oreste Salomone. Sono intervenuti Loredana Affinito, presidente dell'Associazione AttivaMente, il giornalista agroambientale Mimmo Pelagalli, gli esperti del settore Francesco Passero, presidente di Casoria Ambiente s.p.a., e Giovanni Papadimitra, dirigente del gruppo HERA S.p.a. Inoltre è intervenuta Lucia Esposito, ex assessore all'ambiente della Provincia di Caserta, moderatrice Alba Sgueglia.
Loredana Affinito ha presentato l'Associazione e le sue finalità culturali e di promozione del territorio inteso in senso largo, ma mirato soprattutto a formare coscienze di cittadini attivi e in grado di muoversi meglio all'interno delle potenzialità che esistono ma che non vengono sfruttate. Tra l'altro ha sottolineato che a giorni sta per partire un corso di informatica, completamente gratuito e aperto a tutti, una serie di incontri sul tema delle legalità, iniziativa che vede coinvolte anche altre Associazioni, l'avvio di un giornale on - line che dia spazio ad informazioni sul territorio, basate su dati e che non si limitino ad essere pura propaganda da parte di chi fa politica per proclami.
Il dibattito sull'emergenza rifiuti è stato seguito con estrema attenzione dai presenti, anche perché sono emersi dati inquietanti: Lucia Esposito ha sottolineato come il sottosegretariato del Governo abbia lasciato in eredità, dopo l'emergenza rifiuti, un miliardo e mezzo di debiti in più alla regione Campania e che al momento il costo per smaltire una tonnellata di umido sia quasi il doppio rispetto alla spesa per lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati in discarica e ciò perché manca sul territorio un impianto di compostaggio e l'umido viene mandato fuori Regione.

Francesco Passero ha ripercorso le date salienti che hanno portato al picco dell'emergenza rifiuti, ma ha anche fatto notare che la filiera completa del trattamento integrato dei rifiuti in Provincia di Caserta è al di là da venire, mentre le discariche stanno per essere nuovamente chiuse per saturazione e che attualmente il problema che pesa su una gestione razionale dei rifiuti, oltre alla mancanza di strutture deriva anche dalla gestione di tutto il personale dei Consorzi, personale che negli anni ha visto aumentare, per un motivo o per un altro i propri compensi e che ora è difficile far rientrare nelle spese. Giovanni Papadimitra ha confermato i dati del dr. Passero, ma ha anche aggiunto che ciò che è mancato nella regione Campania è stata una programmazione e un investimento su modello industriale del trattamento dei rifiuti.
Il giornalista Mimmo Pelagalli ha portato i dati dell'inquinamento delle falde acquifere, dovuto tanto all'accumulo di stoccaggi di rifiuti in luoghi non idonei, quanto allo scempio subito a causa dei rifiuti speciali industriali introdotti in modo malavitoso in Campania. Sull'aspetto del lucro prodotto dalla mala gestione dei rifiuti in Campania, la moderatrice Alba Sgueglia, ha lanciato più volte una provocazione, che in parte è stata accolta e condivisa da Papadimitri, il quale ha sottolineato come durante l'emergenza rifiuti, soprattutto durante la fase di alta esposizione televisiva, non si sia fatto altro che procedere militarmente a fare cose, che erano state proibite dai giudici e dalle norme, senza intervenire effettivamente sulla filiera, e che i costi sono lievitati perché i tempi di scarico dei camion di compattaggio erano estremamente lunghi e pertanto si pagavano i lavoratori per molte ore di straordinario, solo perché mantenessero il posto nella fila delle discariche. Oggi sugli schermi TV l'emergenza rifiuti non arriva più, però i problemi sono rimasti irrisolti e sono sospesi come una spada di Damocle sulla testa dei cittadini Campani che, quando le Istituzioni sono state in grado di realizzare la raccolta differenziata hanno risposto con immediatezza, dando prova di grande senso civico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento