menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100427080151_papponedoro1

20100427080151_papponedoro1

Nasce il premio 'Il Pappone d'Oro' contro i commercianti che lucrano sui prezzi alti

Aversa - Finalmente è nato il premio "Il Pappone d'Oro". Un riconoscimento ufficiale per tutte le attività commerciali che nell'Agro Aversano si contraddistinguono per i prezzi altissimi e ingiustificati, oltre che per i disservizi che offrono ai...

Finalmente è nato il premio "Il Pappone d'Oro". Un riconoscimento ufficiale per tutte le attività commerciali che nell'Agro Aversano si contraddistinguono per i prezzi altissimi e ingiustificati, oltre che per i disservizi che offrono ai cittadini. Il caro vita è una realtà che interessa tutto il territorio nazionale, ma nell'Agro Aversano tocca punte da capogiro. Una spiegazione apparentemente non esiste per tale fenomeno. Invece chi è più accorto e analitico riesce ben a capirne il perché: la camorra, nell'agro aversano, la pagano i cittadini comuni. Come spiegare altrimenti il fenomeno dei prezzi altissimi in un territorio, almeno per quanto riguarda la produzione di generi alimentari, tra i primi in Europa? L'Agro Aversano, lo ricordiamo, si trova nel bel mezzo della Piana Campana, fulcro di quella che un tempo veniva denominata dai romani "Campania Felix". "Finalmente un'iniziativa che dia voce allo sdegno dei cittadini dell'Agro Aversano" - afferma laconica Cornelia Rammaggio, portavoce del gruppo di cittadini costituenti il comitato ideatore del singolare premio - "Vivere nell'Agro Aversano, in particolare ad Aversa, la nostra città, è un vero e proprio inferno. A partire dalla questione delle strisce blu per il parcheggio delle auto fino ai prezzi da capogiro delle attività commerciali, quelle del settore alimentare e non, per non parlare del listino prezzi dei distributori di benzina ben noti per i costi molto più esosi rispetto a quelli di altre regioni d'Italia". La Rammaggio insiste: "Noi cittadini siamo quotidianamente vittime di soprusi e angherie, è ora di dire basta a questo status quo. Se lo stato non può intervenire sull'aumento ingiustificato dei prezzi ci penseremo noi cittadini facendo capire ai commercianti il significato della parola scuorno, termine napoletano che ben sintetizza il sentimento che dovrebbe provare chi ha fatto dell'ingordigia la propria bandiera". "Da oggi in poi"- continua Cornelia Rammaggio - "tutti i commercianti che esagereranno coi prezzi o che daranno disservizi verranno insigniti del nostro premio, una targa simbolo, oltre ad essere segnalati sul blog che abbiamo approntato per l'occasione: www.ilpapponedoro.blogspot.com".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento