menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

No agli arresti domiciliari alla rom diciassettenne di Ponticelli. De Felice: 'E' un giudizio etnico'

Napoli - L'assessore alle Politiche Sociali della Regione Campania Alfonsina De Felice esprime "sincero stupore" per la motivazione, adottata dal Tribunale per i Minorenni di Napoli in sede di appello al Riesame, con cui si rigetta la richiesta...

L'assessore alle Politiche Sociali della Regione Campania Alfonsina De Felice esprime "sincero stupore" per la motivazione, adottata dal Tribunale per i Minorenni di Napoli in sede di appello al Riesame, con cui si rigetta la richiesta di modifica della misura cautelare avanzata dalla difesa della piccola rom accusata di sequestro di persona nel maggio del 2008 a Ponticelli.
"Al di là del merito della vicenda, che tra l'altro attende il giudizio definitivo della Corte di Cassazione - sottolinea l'assessore De Felice - quello che sorprende è l'aver legato il giudizio sulla adeguatezza della misura cautelare con la indiscussa appartenenza della giovane a quella che viene definita in modo impropriamente generico "cultura rom".

"L'appartenenza a tale cultura, secondo il giudice, condurrebbe in sé, irrimediabilmente, il rischio di condotte recidivanti. La cultura rom non solo sarebbe - per comune esperienza - non rispettosa delle regole della convivenza civile, ma determinerebbe una natura umana negativa ed immutabile".
"Tale impostazione del Tribunale sicuramente non può soddisfare. Essa non è conforme al sistema giuridico minorile che, ancor più che per gli adulti, deve tendere alla piena rieducazione del presunto reo. Il Tribunale per i Minorenni, custode del rispetto dei principi generali dell'ordinamento giudiziario, sembra esprimere, al contrario, un giudizio assoluto, senza offrire alcuna alternativa alla minore. Allorquando il giudice prefigura l'opzione del carcere prevalentemente su base etnica, siamo, con ragionevole certezza, di fronte alla negazione dell'adeguatezza della pena", conclude l'assessore De Felice.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento