menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cittadina perplessa sui nuovi orari per la differenziata

Caserta - "In qualità di giornalista e privata cittadina, mi chiedo io e chiedo a voi tutti, ma dove mai c'è stata questa "una capillare campagna di informazione porta a porta, curata direttamente dalla società titolare dell'appalto"? Quando mai...

"In qualità di giornalista e privata cittadina, mi chiedo io e chiedo a voi tutti, ma dove mai c'è stata questa "una capillare campagna di informazione porta a porta, curata direttamente dalla società titolare dell'appalto"? Quando mai siamo stati intervistati, contattati, avvicinati da operatore della SA.BA., vigile urbano, messo comunale o qualsivoglia personaggio facente capo all'organizzazione SA.BA. o al Comune di Caserta? Personalmente vivo nella zona del Parco degli Aranci, per giunta lavoro in questa città, e lavoro nell'informazione, ma non ho avuto conoscenza di tale campagna, né tanto meno i miei familiari, i miei amici e colleghi che vivono in altri posti della città e costituiamo di certo campione attendibile. Semmai cosa del genere sia accaduta devo dedurne che è stata effettuata su di un inconsistente numero di persone e dunque non si può avvalere dell'aggettivo "capillare".
Vengano davvero tali signori a fare campagna d'informazione porta a porta, che cose da dire ce ne sono eccome?e quali sarebbero i vantaggi dei nuovi turni di raccolta? Invece di aumentare i giorni per il multimateriale, che, com'è noto, costituisce il rifiuto in assoluto più sostanzioso ed ingombrante, si diminuiscono quelli per la carta, e l'umido (quello bello consistente dei pranzi e cene del sabato e della domenica) ci resta in casa anche il lunedì.

Certo, da ignorante nei fatti tecnici-amministrativi e nelle procedure del servizio, quale io sono, non posso certo sindacare tali scelte, ma da semplice cittadina non mi sembra sia cambiato granché: l'indifferenziato passa dal ritiro del giovedì e della domenica a quello del lunedì e venerdì, la carta viene spostata alla sera, il multi materiale cambia semplicemente di giorno, il mercoledì invece che il martedì e l'umido assurge ai giorni pari? Beh, di certo l'accordo assessorile, con i sunnominati vertici, non sbaglierà, ma ora ricominciamo daccapo e chi glielo dice a tutte quelle persone che ci hanno messo mesi per abituarsi agli orari, soprattutto agli anziani... Noi cittadini speriamo decisamente che i cambi terminino qui e si passi una volta per tutte alla raccolta porta a porta come in tutti i comuni ben organizzati che si rispettino. Per quanto riguarda la SA.BA., poi, altro che campagna d'informazione, speriamo invece nella loro puntualità, precisione, organizzazione, qualità che fin'ora hanno dato ben pochi frutti. Noi operatori della stampa siamo stanchi di evidenziare nei nostri titoli soltanto quante sanzioni siano state applicate ai condomìni inadempienti, vogliamo sia anche dato risalto a quante inadempienze avvengono quotidianamente nella raccolta, costringendo il cittadino a fare i salti mortali, ad impazzire con questi orari vecchi e nuovi, e spesso a litigare tra noi per un sacchetto buttato via erroneamente. E non mi dilungo in polemiche che sono già ampiamente state fatte e che abbracciano anche altre questioni ben più grandi di noi poveri casertani?Resta questa dunque la protesta di un semplice privato, stanco però di accettare silente, decisioni che cambiano il modus vivendi quotidiano della città, da parte di enti, organizzazioni, società qualsivoglia, che non tengano mai davvero conto delle opinioni dei cittadini e delle loro reali esigenze.
E mettetelo un VERO sportello per il cittadino incazzato che ci faccia parlare pure a noi. Almeno ci sfoghiamo!"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Attualità

La Dea bendata bacia il casertano: vinti oltre 33mila euro

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento