Il malinteso sull'arrivo di 20mila stranieri: ecco come stanno realmente le cose

In Campania non verrà nessuno. Si chiude con un nulla di fatto il teatrino a colpi di tweet tra De Luca e gli avversari

De Luca e Salvini protagonisti dello scontro a distanza

Un corto circuito nella comunicazione. E' quello in cui è incappato il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nell'annunciare l'arrivo di 20mila migranti tra il Litorale Domitio e la Piana del Sele per la raccolta di frutta e verdura dai campi.

Una dichiarazione che ha provocato il fuoco incrociato di critiche, fra tutte quelle del leader della Lega Matteo Salvini, che ha puntato l'indice contro De Luca accusato, sostanzialmente, di preferire l'arrivo di migranti in Campania a quello di italiani da altre regioni (al riguardo il governatore aveva espresso nei giorni precedenti forti dubbi annunciando controlli a tappeto in stazioni, aeroporti ed autostrade per chi arriva sul suolo campano). 

Ma come stanno realmente le cose? Semplicemente non arriverà nessuno. Si tratta, infatti, delle migliaia di braccianti stranieri, già residenti in quei territori, che torneranno al lavoro con la ripresa delle aziende e che "per la prima volta saranno sottoposti a controlli mirati da parte delle Asl le fasce della popolazione straniera che torneranno al lavoro con la riapertura delle aziende. Si parla delle migliaia di extracomunitari già presenti in Campania, e le verifiche sanitarie saranno svolte a tutela dell'intera popolazione", chiariscono da Palazzo Santa Lucia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si chiude senza vincitori né vinti, dunque, il "teatrino" a colpi di tweet e veline infuocate. Se da un lato c'è chi non ha perso tempo a cavalcare l'onda, al grido di battaglia "prima gli italiani", dall'altro l'errore (che lasciava davvero pochi spazi ad interpretazioni alternative) è stato grossolano e non riconosciuto. "Le parole sono importanti", direbbe Nanni Moretti, e quello che è andato in scena sui social, visti i tempi, è stato davvero un pessimo spettacolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SPECIALE REGIONALI E' ufficiale: Grimaldi eletto. Nel nuovo consiglio regionale ben 5 uscenti

  • SPECIALE MARCIANISE Abbate sfiora i 9mila voti, Velardi a contatto. Alessandro Tartaglione all11%

  • SPECIALE MARCIANISE Moretta super con 1164 preferenze: cinque donne tra i candidati più votati

  • Tempesta nel casertano: abbattuti cartelloni pubblicitari ed alberi, volano anche pezzi di tetto | FOTO

  • Maresciallo dei carabinieri investito e ucciso mentre fa jogging: arrestato 21enne

  • SPECIALE SANTA MARIA A VICO Tutti i voti e i nuovi consiglieri comunali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento