Giovedì, 13 Maggio 2021
Attualità

Appartamenti abusivi sul cantiere sequestrato, è scontro in tribunale

I proprietari ricorrono al Consiglio di Stato dopo la condanna al Tar

Si sposterà davanti a giudici del Consiglio di Stato lo scontro in atto tra i coniugi A.R. e O.E. contro il Comune di Marcianise. Una vicenda nata nel 2013, quando l’Ente ordinò la demolizione delle opere abusive costruite in via Orbetello. In particolare, secondo il Comune, la coppia aveva realizzato “su cantiere già sottoposto a sequestro da parte di personale della Polizia Municipale in data 3.11.2006 e mai convalidato, completava i lavori edili al primo piano e al piano sottotetto, realizzava due appartamenti di mq. 120 circa cadauno, completi di arredi, mobilio e impianti tecnologici ed occupati fisicamente dei figli”.

Una vicenda già arrivata al Tar, ma i giudici dell’ottava sezione avevano respinto il ricorso dei coniugi contro l'ordinanza di demolizione, condannandoli al pagamento di 3mila euro di spese legali. Una vicenda che la coppia non è intenzionata a chiudere: i due hanno infatti presentato ricorso anche al Consiglio di Stato, con il Comune che ha affidato all’avvocato Sabatino Rainone l’incarico legale per resistere in giudizio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appartamenti abusivi sul cantiere sequestrato, è scontro in tribunale

CasertaNews è in caricamento