rotate-mobile
Attualità Portico di Caserta

Paura per l'antenna 5G, il sindaco chiede controlli: "Pericolo inquinamento"

Oliviero invia una missiva all'Arpac: "Plausibile l'espansione di onde elettromagnetiche oltre le soglie consentite dalla legge"

Un intervento immediato dell'Arpac per verificare il pericolo di inquinamento elettromagnetico a Portico di Caserta. E' quanto richiesto dal sindaco Giuseppe Oliviero che ha inviato una missiva all'Agenzia regionale protezione ambientale.

Il primo cittadino a chiesto all'Arpac di verificare i "possibili danni alla salute dei cittadini, derivanti dalla presenza di due antenne per la comunicazione di telefonia mobile installate dalle società Wind-Tre e Tim e poste in opera sul campo sportivo sito in viale Europa; nonchè da un'altra struttura della Vodafone ubicata nella zona industriale".

La richiesta di intervento ha carattere d'urgenza "in quanto le antenne, operanti con tecnologia 3G - si legge nella missiva firmata anche dal dirigente comunale Pasquale Colella e dall'assessore all'Ambiente Biagio Iodice - sono ubicate nel perimetro cittadino e ritengo che la situazione può ulteriormente aggravarsi a seguito della imminente installazione di un'altra struttura di trasmissione (pare con tecnologia 5G) da parte della società Iliad, questa volta nel comune limitrofo di Macerata Campania ma comunque nelle immediate vicinanze delle antenne presenti nel perimetro urbano di Portico di Caserta".

Secondo il sindaco Oliviero "l'ubicazione di tutti questi impianti in un'area ravvicinata potrebbe maggiormente rendere plausibile e ampliare l'espansione di onde elettromagnetiche oltre le soglie consentite dalla legge e concretizzare situazioni di grave pregiudizio per la salute dei cittadini".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paura per l'antenna 5G, il sindaco chiede controlli: "Pericolo inquinamento"

CasertaNews è in caricamento