Attualità Casal di Principe

Il Covid non ferma la giornata della memoria per l’uccisione di don Peppe Diana

Agrorinasce e le scuole ricordato il parroco assassinato dalla camorra il 19 marzo 1994

L’emergenza Covid, con l’obbligo della didattica a distanza, potrà anche bloccare il lavoro annuale nelle scuole con il contatto diretto con gli studenti, ma non l’impegno di Agrorinasce e dei Comuni soci per ricordare la figura di don Peppe Diana. In occasione del 27º anniversario della morte di don Peppe Diana che si avrà il prossimo 19 marzo, infatti, Agrorinasce ha deciso di donare 10 copie del libro “È Marzo, la primavera sta per arrivare - don Peppino Diana, ucciso per amore del suo popolo”, scritto da Raffaele Sardo a tutte le scuole del territorio dei comuni di Casal di Principe, Casapesenna, San Cipriano d’Aversa, San Marcellino, Santa Maria La Fossa e Villa Literno.

Un libro promosso e stampato da Agrorinasce alcuni anni or sono, nell’ambito delle iniziative dell’Università per la legalità e lo sviluppo, in occasione della sentenza definitiva della Cassazione che condannò gli esecutori materiali dell’omicidio. “Con l’obbligo della didattica a distanza - dichiara il direttore generale di Agrorinasce Giovanni Allucci - è impossibile proporre una qualsiasi iniziativa in presenza e insieme agli studenti. Per noi è comunque importante che gli istituti scolastici e i docenti ricordino la figura di don Peppe Diana e l’impegno sui temi della legalità e del contrasto alla camorra ancora oggi molto attuale. La donazione dei libri sulla vita e le opere di don Peppe Diana, scritto da Raffaele Sardo, darà l’occasione ai docenti di avere dati storici e spunti di riflessioni importanti per raccontare quanto successo in questo territorio a partire dal 19 marzo 1994”.

Un impegno civile che, quindi, deve essere trasmesso alle nuove generazioni, che parta dalla memoria di quanto successo e delle tante iniziative realizzate per ricordare la figura di don Peppe Diana. Alcuni anni fa Agrorinasce fu protagonista anche della progettazione e realizzazione della mostra fotografica sulla vita e sulle opere di don Peppe Diana, che ebbe il riconoscimento e l’adesione dell’allora presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e la donazione di una medaglia che è stata poi consegnata alla famiglia di don Peppe. “Una mostra progettata e creata grazie ad Augusto Di Meo, testimone oculare dell’omicidio di don Peppe Diana - continua Giovanni Allucci - che non vediamo l’ora di far girare nuovamente nelle scuole”.

All’iniziativa hanno aderito gli istituti scolastici appartenenti ai sei comuni consorziati ad Agrorinasce: i tre istituti scolastici di Casal di Principe (I.C. Don Diana, I.T.S. “G. Carli” e I.C. Spirito Santo DD1), l’Istituto Comprensivo di San Marcellino, i due istituti scolastici di San Cipriano d’Aversa (l’I.C. ‘Mattia De Mare’ e il Liceo Scientifico “E.G. Segrè”), i due istituti scolastici di Villa Literno (I.C. ‘Don Milani’ e I.C. “L. Da Vinci”), l’Istituto Comprensivo autonomo di Casapesenna e l’Istituto Comprensivo di Grazzanise ‘Don Milani - Gravante’ con la succursale di Santa Maria La Fossa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Covid non ferma la giornata della memoria per l’uccisione di don Peppe Diana

CasertaNews è in caricamento