rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Attualità Castel Volturno

"Blocchiamo l'autostrada". Dal casertano la nuova protesta: "Quattro giorni di resistenza"

Giovedì 7 aprile conferenza stampa di presentazione degli step della protesta

Gli allevatori casertani si mobilitano e presenteranno domani, 7 aprile, alle 11, nella piazza antistante il Comune di Castel Volturno, le '4 giornate di Resistenza Bufalina' e le altre iniziative delle prossime settimane. Le 4 giornate di 'resistenza' si svilupperanno in tutti i comuni dell’Area centrale che più pagherà il prezzo dell’applicazione del Nuovo Piano se non sarà cambiato. Le giornate hanno l’obiettivo di raccontare la verità su quanto sta accadendo per evitare la disinformazione istituzionale che viene messa in campo e chiarire gli obiettivi e le proposte del movimento. Sono solo il primo atto di un percorso di mobilitazioni che crescerà nel prossimo periodo fino ad ottenere il risultato che gli allevatori chiedono: un vero piano di prevenzione ed eradicazione non il massacro di animali ed aziende.

Seguirà una manifestazione di protesta in autostrada il 13 aprile ed altre iniziative che saranno illustrate e spiegate dal portavoce del Coordinamento Unitario in conferenza stampa. “Il nuovo piano di eradicazione, elaborato dall’Assessore Regionale della Campania, tradisce gli annunci ed è da considerarsi punitivo per le aziende e il territorio oltretutto non risolverà i problemi della brucellosi e della TBC che, anzi, aumenteranno e si diffonderanno di più” sostiene il portavoce del Coordinamento. “Le misure proposte produrranno un risultato certo: cancelleranno la forza produttiva dei nostri allevamenti e dei trasformatori artigianali e regaleranno il nostro amato comparto agli industriali ed agli speculatori che finalmente potranno portare la DOP fuori dall’area fin qui tutelata”.

Il Coordinamento Unitario in Difesa del Patrimonio Bufalino in occasione dell’elaborazione della scrittura del nuovo piano di eradicazione ha presentato alla Regione ed all’attenzione del Ministro dell’Agricoltura e del Ministro alla Salute, un articolato documento di proposte di ben 20 punti, frutto di confronti tecnici e di condivisioni con un gran numero di allevatori e trasformatori, sottoscritto e condiviso anche in occasione dell’Assemblea degli Stati Generali in Difesa del Territorio e della Bufala che a conti fatti non è stato mai preso seriamente in considerazione nella scrittura del nuovo piano adottato dalla Regione Campania con delibera 104/22.

La Regione ha adottato la delibera senza averla confrontata prima, come invece aveva garantito, con gli allevatori del Coordinamento Unitario in Difesa del Patrimonio Bufalino tradendo il primo degli impegni che aveva assunto: quella della trasparenza e della correttezza. Oggi la Regione propone il confronto per “migliorare la delibera” ma il confronto può ripartire solo nella chiarezza e nella trasparenza. “Non si possono salvare capra e cavoli” e qui si salvano in molti ma non gli allevatori casertani.

Nella conferenza stampa di domani saranno diffusi i nuovi documenti di proposta con gli obiettivi inviati direttamente al Presidente della Regione Vincenzo De Luca che è chiamato ad assumere direttamente tutta la responsibilità che gli compete.

4giornate_web-847x1198-2

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Blocchiamo l'autostrada". Dal casertano la nuova protesta: "Quattro giorni di resistenza"

CasertaNews è in caricamento