rotate-mobile
Attualità Casal di Principe

Gli allevatori bufalini scrivono ai partiti: "Pronti alla nostra campagna elettorale"

L'iniziativa a Roma con i sindaci dopo il mancato dialogo con la Regione: "Vogliamo risposte"

Dopo non essere stati ricevuti dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, gli allevatori bufalini - che da mesi protestano contro il piano di eradicazione della brucellosi e della tubercolosi evaso dalla Regione - vanno a Roma. Una manifestazione già programmata, dopo quella fuori Palazzo Santa Lucia, ma che alla luce degli eventi recenti - con la fine del governo e l'indizione delle elezioni - ha costretto i promotori del movimento a tutela della Bufala a cambiare tiro (almeno per quanto riguarda gli interlocutori).

Nelle ultime ore, infatti, è stata inoltrata una nota ai partiti a cui è stato chiesto "se la linea del non ascolto è quella dei partiti e come pensano di risolvere i problemi aperti". Per questo le segreterie dei partiti impegnate nelle fasi preparatorie in vista dell'imminente campagna elettorale sono state inviate a partecipare all'incontro convocato il 28 luglio nella Sala del Parlamento Europeo a Roma. Un'iniziativa sostenuta anche dalla Rete dei Municipi Rurali con i sindaci - Renato Natale (Casal di Principe), Alfonso Golia (Aversa), Luigi Umberto Petrella (Castel Volturno), Nicolino Federico (Santa Maria la Fossa), Pasquale Di Fruscio e Marco Santagata (Pietramelara), Marcello De Rosa (Casapesenna), Vincenzo Tosti (vicesindaco di Orta di Atella), Nicola Pelosi (Roccaromana) - che parteciperanno all'evento.

Ormai, per il Coordinamento “non c’è più tempo per le meline mentre il disastro avanza. E’ il tempo delle risposte che gli allevatori, i sindaci, il territorio e gli italiani meritano. Ai partiti chiediamo di sapere cosa pensano e come pensano (se lo pensano) di tutelare un comparto strategico per tutto il Patrimonio agroalimentare italiano e decisivo per una intera provincia. La linea della Regione Campania che non ha voluto finora discutere col Movimento (22 associazioni sindacali e di impegno civile che organizzano oltre 90 sigle, tanti sindaci, tantissimi cittadini e allevatori) è ritenuta utile ai partiti o ritengono di voler favorire l’apertura al dialogo ed alla partecipazione democratica?”, fanno sapere dal coordinamento.

"Convochiamo fin d’ora l’iniziativa pubblica all’indomani dell’incontro del 28 luglio a Roma in cui registreremo le posizioni dei partiti. Una cosa è certa: saremo in campagna elettorale. Se qualcuno pensa che staremo col cappello in mano attendendo di capire che gestirà il potere dopo il 25 settembre, può stare sereno. Non permetteremo passerelle e saremo in campo; prima e dopo il 25 settembre", concludono.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli allevatori bufalini scrivono ai partiti: "Pronti alla nostra campagna elettorale"

CasertaNews è in caricamento