“Disastro ambientale”, il Comune incarica avvocato per denunciare la Regione

L’assessore D’Alessandro stufo dei continui allagamenti di via Cancello dovuti all’insufficienza del collettore fognario Valle Caudina: “Nessun intervento ad oggi, stanno perdendo solo tempo”

L'assessore Giuseppe D'Alessandro interviene sulla questione allagamenti di via Cancello

È scontro totale tra il Comune di Maddaloni e la Regione Campania. Al centro della diatriba il collettore fognario ‘Valle Caudina’ che attraversa trasversalmente via Cancello nel tratto a valle dell’incrocio con via Grotticella e che raccoglie le acque reflue dei comuni di Santa Maria a Vico, Cervino, Arpaia, Forchia, Arienzo e San Felice a Cancello.

La giunta comunale guidata dal sindaco Andrea De Filippo, su proposta dell’assessore allo Sviluppo urbano integrato e Piccole opere Giuseppe D’Alessandro, ha approvato martedì scorso un atto di indirizzo per ottenere dalla Regione Campania un intervento urgente finalizzato ad eliminare le situazioni di pericolo causate dall’inadeguatezza del collettore ‘Valle Caudina’. 

Secondo quanto sottolineato da una relazione elaborata dall’assessore D’Alessandro, il collettore ‘Valle Caudina’, realizzato ricordiamo grazie al finanziamento dell’ex Casmez, è insufficiente a smaltire le intere portate provenienti dai comuni a monte ed è responsabile dei continui allagamenti di via Cancello. 

“Il raddoppio del collettore previsto all’epoca dai progettisti ad oggi non è stato ancora completato – spiega l’assessore D’Alessandro - Il sottodimensionamento provoca un effetto ad imbuto nei pressi dell’A/30 con fuoriuscita a fortissima pressione dei liquami fognari dai pozzetti d’ispezione posti lungo il collettore, con maggiore intensità nel tratto posto trasversalmente a via Cancello”.

A nulla è servito il tavolo tecnico permanente istituito presso la VII Commissione regionale per la risoluzione della problematica allagamenti di via Cancello: ogni qual volta si verificano delle piogge, anche deboli, la strada diventa una vera e propria ‘laguna’ provocando situazioni di pericolo idrogeologico e gravi disagi alla popolazione. 

Considerate le molteplici richieste di intervento pervenute al Comune di Maddaloni, soprattutto in questi ultimi anni, per porre fine all’incubo allagamenti di via Cancello, è intenzione dell’Ente avvalersi legalmente sulla Regione Campania. La Giunta targata De Filippo ha infatti conferito l’incarico al responsabile dell’ufficio Affari legali di nominare un avvocato per denunciare appunto la Regione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Vogliamo evitare un disastro ambientale – sottolinea Giuseppe D’Alessandro – Ci sono i presupposti per adire le vie legali contro la Regione, che fino ad oggi ha perso solo tempo e non è riuscita a reperire fondi per intervenire”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinto un milione di euro nel casertano

  • Zona rossa, nuova ordinanza del sindaco: "Vietato circolare in auto ed a piedi nella zona urbana"

  • Il contagio dilaga nel casertano: 4 morti e 576 nuovi casi. Positivo un tampone su 3

  • Caserta piange altre 4 vittime ricoverate col coronavirus. Balzo dei contagi: altri 430 positivi

  • Avvocato multato per aver violato la "zona rossa"

  • De Luca firma un'altra ordinanza dopo il DPCM di Conte: aperti solo nido e asili, Elementari e Medie con la Dad

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento