Giovedì, 28 Ottobre 2021
Attualità Maddaloni

Alberi secolari abbattuti, il sindaco: "Pericolosi". L'opposizione: "Andiamo in Procura"

Botta e risposta sui social tra De Filippo ed il gruppo Città di Idee per la potatura dei pini in centro storico

Gli alberi della polemica. Volano stracci tra la maggioranza e l'opposizione consiliare di Maddaloni sulla potatura dei fusti in via Ponte Carolino, in pieno centro storico a Maddaloni. 

Ad accendere la polemica era stato il fondatore di Città di Idee ed ex candidato a sindaco di Maddaloni Peppe Razzano che aveva tacciato di incompetenza l'attuale sindaco Andrea De Filippo. A seguire a ruota il segretario cittadino del Pd Alfonso Formato che ha sottolineato come "un po' ovunque le amministrazioni si impegnano a piantare nuovi alberi per salvaguardare il futuro, mentre nella mia città se ne abbattono intere filiere perché non si è in grado di tagliare qualche ramo o interrrare qualche radice. Stanno compromettendo il nostro futuro: Vergognatevi!". 

Piccata la risposta del primo cittadino che ha ribadito la necessità della scelta di tagliare gli alberi dettata dalla salvaguardia "della pubblica incolumità, fatto questo ampiamente e tecnicamente documentato. Già in due altre occasioni alberi in quella zona erano, a causa delle avverse condizioni atmosferiche, crollati e la tragedia era stata evitata per un puro caso. Non si poteva provvedere diversamente ai fini della sicurezza pubblica. Difatti, alberi di quel genere vanno piantati in zone nelle quali il terreno consente il radicamento in profondità delle radici e non laddove, come in questo caso, le radici, rimanendo superficiali, non consentono tale effetto ed espongono la pianta alla possibilità, peraltro già realizzatasi, di eventuali crolli dagli esiti infausti. Per questa ragione, preferiamo di gran lunga, essere oggetto di offese da parte di qualche incompetente, improvvisato ambientalista, piuttosto che correre il rischio di portare sulla coscienza la vita di qualche nostro malcapitato concittadino. I maddalonesi seri sanno che governare è una cosa seria. Il resto sono solo buffonate".

In mattinata la replica di Razzano che, in una nota congiunta con i federati Città di Idee e Maddaloni Positiva, presente in consiglio comunale con Edo Tontoli, Domenico Reitano e Angelo Tenneriello, ha spiegato: "La risposta del sindaco pro – tempore lascia sbigottiti. Si tagliano gli alberi in maniera arbitraria in nome di pericoli incombenti o futuri tutti da dimostrare. Forse il Sindaco dimentica che i pini hanno sviluppato nei millenni una struttura capace di opporsi con efficacia alle intemperie. Purtroppo non sono capaci di opporsi e resistere alle scelte scellerate della politica. Tra l’altro l’abbattimento degli alberi monumentali è ovviamente vietato di regola, ma consentito in determinati casi indicati dalla legge e cioè allorquando, su specifica autorizzazione comunale e parere obbligatorio del corpo forestale, sia motivato e non rimandabile l’abbattimento. Si tratta, pertanto, di casi limite, ad esempio, riscontrabili in presenza di una malattia incurabile della pianta. La legge stabilisce che prima che un albero secolare o di particolare pregio storico sia abbattuto è necessario il parere favorevole dell’agronomo comunale o di un agronomo – forestale iscritto all’albo o di staff tecnico-scientifico o degli stessi Carabinieri Forestali. E’ necessario pertanto che sia certificata la malattia e la pericolosità per l’incolumità pubblica degli alberi. Pertanto solo un’accurata indagine scientifica da parte di agronomi può dire se l’albero è sano o pericoloso. Intanto procederemo alle dovute segnalazioni ai Carabinieri Forestali ed agli organi competenti, compresa la Procura della Repubblica considerato che la normativa prevede delle sanzioni (da 5.000 a 100.000 euro) a carico di chi si dovesse rendere responsabile dell’abbattimento ingiustificato e non autorizzato di piante monumentali o con pregio storico. Noi siamo per la legalità ed il rispetto delle leggi sempre e comunque". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alberi secolari abbattuti, il sindaco: "Pericolosi". L'opposizione: "Andiamo in Procura"

CasertaNews è in caricamento