rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Attualità Casapesenna

Agricoltura sociale e parcheggio sul terreno confiscato a Zagaria

La giunta ha incaricato Agrorinasce: progetto da 2,5 milioni di euro

Un progetto da 2,5 milioni di euro per realizzare un centro polivalente di agricoltura sociale in un lotto di terreno confiscato a Vincenzo Zagaria, boss del clan dei Casalesi, fratello di Michele. La giunta comunale guidata dal sindaco Marcello De Rosa ha incaricato Agrorinasce di progettare una serie di interventi per la riqualificazione del terreno tra via Sant’Antonio e Provinciale 340 di ben 17.500 mq.

L’idea è quella di realizzare una serie di percorsi pedonali di collegamento che definiscono lotti agricoli con piccole serre, installazioni di arte pubblica e illuminazione Led a supporto delle coltivazioni. Sono previsti anche dei laboratori di trasformazione dei prodotti agricoli e delle aree giochi per bambini e ragazzi. Nel progetto c’è anche la costruzione di un edificio ecologico di servizio alla comunità con impronta a terra di circa 600 mq, realizzato integralmente in legno e rivestito in alluminio, che accoglie al piano terra spazi flessibili per incontri e laboratori, esposizione, degustazione e vendita dei prodotti agricoli.

Ma non finisce qui perché si dovrebbero anche realizzare dei depositi per le macchine agricole e all’ammezzato l’alloggio del custode con famiglia di 80mq; un parcheggio tra le piazze del compendio che offre 20 posti dotati di colonnine per la ricarica di auto elettriche e quindi a ridosso dell’isola ecologica realizzazione di un secondo parcheggio da 50 posti che possa accogliere gli agricoltori e i visitatori; quando il parcheggio non sarà utilizzato o lo sarà solo parzialmente, lo spazio pubblico con playground e campi da gioco è a disposizione dei ragazzi di Casapesenna. Un gran bel progetto, ora bisogna solo sperare che arrivino i finanziamenti necessari dal Governo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agricoltura sociale e parcheggio sul terreno confiscato a Zagaria

CasertaNews è in caricamento