Agenti feriti in carcere, presentata interrogazione: "Bonafede faccia chiarezza"

Le tensioni del penitenziario di Santa Maria Capua Vetere sulla scrivania del Guardasigilli. Zinzi partecipa al sit in del sindacato

L'interrogazione del deputato Buompane

"Abbiamo presentato un'interrogazione al Ministero della Giustizia in merito ai disordini, incendi e gravissimi episodi di violenza nei confronti degli agenti di polizia penitenziaria presso la casa circondariale "Francesco Uccella" di Santa Maria Capua Vetere". Lo ha rivelato il deputato Giuseppe Buompane che interviene sul caso del carcere.

In seguito all'inchiesta avviata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere sui presunti pestaggi avvenuti in carcere, notificando agli agenti della Polizia Penitenziaria avvisi di garanzia e decreti di perquisizione, "chiediamo al Ministro Bonafede di avviare accertamenti su quanto accaduto - prosegue - Sottolineiamo la nostra piena vicinanza agli agenti feriti e rinnoviamo tutta la nostra gratitudine per il lavoro che svolgono, certi dell'attenzione costante che questo Governo ha già mostrato nei confronti del Corpo della Polizia Penitenziaria. La Magistratura proseguirà nella doverosa inchiesta aperta: va però tutelato il corpo della Polizia Penitenziaria, che va preservata nella propria legittimazione ad agire negli istituti di pena quale soggetto deputato a garantire non solo la custodia dei detenuti ma anche a realizzare finalità di rieducazione della pena sancita dalla nostra Carta Costituzionale", conclude.

Sit in di Zinzi

Intanto stamattina il consigliere regionale della Lega Gianpiero Zinzi ha partecipato al sit-in di protesta promosso dal Sappe all'esterno del penitenziario. "La cronica carenza di personale della polizia penitenziaria si è manifestata drammaticamente durante l'emergenza Coronavirus. I pochi agenti in servizio hanno dovuto fronteggiare una situazione insostenibile, fatta di rivolte ed evasioni. A questo si aggiungono le aggressioni registrate negli ultimi giorni al carcere di Santa Maria Capua Vetere che impongono una presa di posizione ferma e immediata da parte della politica - ha detto Zinzi durante il suo intervento -  Gli agenti chiedono più tutela, mezzi e uomini per continuare a lavorare con la dovuta professionalità e soprattutto in sicurezza. La soluzione ci sarebbe e gli agenti l'hanno prospettata un mese fa al Governo che si è dimostrato sordo rispetto alla loro richiesta d'aiuto. Lo scorrimento delle graduatorie aperte per l'assunzione di altro personale e l’indizione di un nuovo concorso restano le uniche strade da percorrere per dare risposte ai pochi agenti lasciati in balia dei detenuti nelle carceri. La Lega su questo è già al lavoro", ha concluso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

zinziprotestaCarcere-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SPECIALE REGIONALI E' ufficiale: Grimaldi eletto. Nel nuovo consiglio regionale ben 5 uscenti

  • SPECIALE MARCIANISE Abbate sfiora i 9mila voti, Velardi a contatto. Alessandro Tartaglione all11%

  • SPECIALE MARCIANISE Moretta super con 1164 preferenze: cinque donne tra i candidati più votati

  • Tempesta nel casertano: abbattuti cartelloni pubblicitari ed alberi, volano anche pezzi di tetto | FOTO

  • Maresciallo dei carabinieri investito e ucciso mentre fa jogging: arrestato 21enne

  • SPECIALE SANTA MARIA A VICO Tutti i voti e i nuovi consiglieri comunali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento