rotate-mobile
Mercoledì, 30 Novembre 2022
Attualità Orta di Atella

Acquedotti, infuria la polemica dopo le nomine. "Esposto all'Anac"

I consiglieri hanno chiesto un accesso agli atti e poi inoltreranno richiesta di chiarimenti all'Anticorruzione

Non convince sul piano amministrativo la nomina di Antonio De Rosa alla guida della società Acquedotti Scpa. A sollevare il caso chiedendo l’accesso agli atti per poi redigere un esposto da indirizzare all’Anac, è il gruppo di opposizione. “La Legge numero 114 dell’11 agosto 2014 ha introdotto nuove limitazioni relative alle nomine nelle società partecipate da parte delle amministrazioni pubbliche. Viene sancito il divieto di conferire a lavoratori privati o pubblici collocati in quiescenza incarichi dirigenziali o direttivi o cariche in organi di governo delle amministrazioni stesse, nonché negli organi di governo degli Enti e società da esse controllati”, hanno affermato i consiglieri Giovanna Migliore, Raffaele Lampano, Pasquale Lamberti, Maria Iovane, Antonio Russo e Gianfranco Arena.

De Rosa, commercialista 78enne ed ex assessore al Comune di Caivano nel corso dell’amministrazione Falco, proprio in virtù di questa legge secondo la minoranza “è probabile che non possa ricoprire quel ruolo”. Il gruppo pertanto ha annunciato che farà una richiesta di accesso agli atti per poi proporre un esposto all’Anac sperando di ricevere chiarimenti sulla nomina effettuata dal sindaco Vincenzo Gaudino (nella foto). “Gaudino nonostante non abbia più i numeri per governare invece di spiegare alla cittadinanza i motivi di questo fallimento politico-amministrativo, impegna per i prossimi tre anni, la visione strategica della società partecipata ad un’altra persona. È politicamente immorale fare scelte a lungo termine senza avere la maggioranza in consiglio comunale, in totale silenzio come se la casa comunale fosse di proprietà privata, dove è la trasparenza? Nella città più giovane d’Italia, il sindaco ha deciso che non c’erano giovani professionisti, anche del territorio in grado di ricoprire un ruolo dirigenziale. Per Gaudino, il futuro di Orta di Atella non è per i giovani”, hanno concluso dalla minoranza.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acquedotti, infuria la polemica dopo le nomine. "Esposto all'Anac"

CasertaNews è in caricamento