rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Attualità Vairano Patenora

"L'Abbazia rischia di scomparire per sempre". Allertato il ministro dopo l'indagine

La senatrice Moronese chiede che si costituisca parte civile nel processo

“L’Abbazia di Santa Maria della Ferrara nel Comune di Vairano Patenora, è abbandonata e potrebbe sparire per sempre”. Così la senatrice Vilma Moronese (Gruppo Misto), presidente della commissione permanente ambiente e territorio del Senato, che interviene ancora una volta a difesa della nota Abbazia che fu oggetto di una sua prima interrogazione nel 2016 rivolta al Ministro Franceschini.

“E' il primo edificio gotico del Regno di Napoli - prosegue Moronese - al suo interno abbiamo la cappella di Malgerio Sorel, che ospita un affresco che ritrae Papa Celestino V, si tratta di un monumento unico e dal valore incredibile, sia dal punto di vista storico che culturale. Le indagini condotte dai Carabinieri nel 2018, coordinati dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere accertarono il degrado e l’abbandono della struttura che fu posta sotto sequestro, e oggi è in corso un processo nel quale credo che il Ministero debba costituirsi parte civile anche per dare un segnale e far capire che è interessato al bene. Io stessa dopo il silenzio del Ministero, nel 2018 fui costretta a presentare un esposto in Procura per segnalare il suo abbandono totale. Con la nuova interrogazione che ho presentato al Ministro della Cultura pochi giorni fa, io e i miei colleghi - afferma Moronese - vogliamo un intervento importante del Ministero, che prenda in mano la situazione, che sottragga una volta per tutte l’Abbazia della Ferrara dal degrado e dall’oblio a cui è relegata, e assieme ai terreni e i boschi circostanti le venga data vita, una vita nuova nell’interesse della nostra cultura, della nostra storia e che sia patrimonio comune di tutta la collettività”,

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'Abbazia rischia di scomparire per sempre". Allertato il ministro dopo l'indagine

CasertaNews è in caricamento