Attualità

Protesta contro abbattimento pini: "Sindaco manda la Digos ma c'erano solo 9 pensionati"

La denuncia di Tanzarella: "Marino continua a censurare mentre il suo vice occupa gli spazi di altri candidati"

Manifestazione contro l'abbattimento dei pini, arriva la Digos ma trova nove pericolosissimi pensionati. Succede anche questo a Caserta negli ultimi giorni di campagna elettorale. 

A denunciare l'accaduto è stato il fondatore di Speranza per Caserta Sergio Tanzarella per il quale le forze dell'ordine sarebbero state allertate dal sindaco Marino. "Immagino lo sconcerto dei poliziotti che hanno scoperto che i pericolosi manifestanti erano 9 rappresentanti di associazioni ambientaliste, tranquilli pensionati di alto senso civico ma certo estranei a violenze e attentati e armati di fogli di carta con scritte", commenta Tanzarella. 

L'ex deputato si riallaccia anche all'oscuramento dei manifesti del presunto 'Caserta Film Festival' - con locandine di film attualizzate alla realtà cittadina. "Marino appare intollerante a qualsiasi dissenso. Altrimenti perché censurare i manifesti che denunciavano il degrado in cui versa oggi Caserta grazie anche al suo malgoverno. I vigili urbani mai tanto solerti hanno provveduto ad una opera di censura che non può che essere partita da lei e dai suoi fedelissimi", ribadisce.

Censura che però non riguarderebbe tutti. "Il suo vicesindaco, il ben famoso colonnello Antonucci occupa abusivamente da giorni gli spazi delle 3 liste del candidato Vignola, tutti gli spazi - dichiara ancora Tanzarella - Un fatto grave ma ancora più grave e sconcio se a compiere questo furto di spazio e di democrazia è il vicesindaco della città e perfino con delega alla legalità". 

Antonucci Spazi Vignola-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protesta contro abbattimento pini: "Sindaco manda la Digos ma c'erano solo 9 pensionati"

CasertaNews è in caricamento