Attualità

"Abbattere gli alberi è la soluzione finale di un'amministrazione impotente nell'affrontare i problemi"

Miccolo (Speranza) sul progetto dei lavori sui marciapiedi in via Unità Italiana

“La “soluzione finale” è arrivata, il biocidio inizierà presto?”. E’ il duro attacco che il coordinatore di Speranza per Caserta Michele Miccolo lancia nei confronti dell’amministrazione comunale di Caserta guidata dal sindaco Carlo Marino dopo aver appreso, in anteprima da Casertanews, del nuovo progetto per i marciapiedi di via Unità Italiana che prevede l’abbattimento di 18 alberi lungo il confine col Macrico.

“L’abbattimento dei pini: è questa la conclusione a cui è arrivata un’amministrazione uscente ormai sofferente rispetto ad altre soluzioni che non riesce a trovare a causa della sua impotenza nell’affrontare i problemi della città. Dopo gli infortuni a causa dei marciapiedi inesistenti e dissestati, del manto stradale lacerato, dopo la realizzazione di una pista ciclabile che non ha un inizio e una fine, il sindaco ci viene a dire, come nei precedenti abbattimenti, che il pino è un pericolo per i cittadini. Guarda caso poi, proprio quelli davanti al Macrico: è forse un caso o si comincia a fare spazio per le ruspe? L’abbattimento di alberi ad alto fusto produrrà una riduzione di spesa sulla manutenzione del verde pubblico? Sarà un ottimo investimento per le ditte coinvolte?".

Miccolo aggiunge: "Non accettiamo il contentino di piantumazione di alberi con griglia in ferro battuto, che solo tra trent’anni avranno la visibilità degli attuali. Non ritiene che siamo fortunati ad avere pini di 50 anni, ancora forti che producono ossigeno per la nostra città? Non ritiene che accudendoli affettuosamente contribuiscano a renderla più verde? Non pensa che possiamo fare la nostra piccola parte nel contenere il cambiamento climatico? Forse lei si attiene agli accordi sul clima, una nuova piantumazione oggi produrrà tanto ossigeno nel 2035. Non conosce l’esistenza della Zona 30, dove le carreggiate vengono ridotte, le aiuole allargate, si mantengono gli alberi ad alto fusto e si dà alle loro radici la possibilità di respirare; il traffico diventa fluido, non avrà bisogno di provvedere alle strisce pedonali, i bambini potranno giocare per strada, ma soprattutto le persone anziane, non deambulanti i pedoni e i ciclisti potranno godere appieno di una pista integrata nella città”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Abbattere gli alberi è la soluzione finale di un'amministrazione impotente nell'affrontare i problemi"

CasertaNews è in caricamento