Attualità

Codacons contesta il dispositivo 'Varco Attivo - Varco Non Attivo'

Caserta - Il Comune di Caserta già dall'inizio degli anni duemila era salito alla ribalta delle cronache nazionali per l'incredibile numero di multe elevate ai cittadini casertani grazie ai traffiphot, ovvero quegli infernali dispositivi applicati...

Il Comune di Caserta già dall'inizio degli anni duemila era salito alla ribalta delle cronache nazionali per l'incredibile numero di multe elevate ai cittadini casertani grazie ai traffiphot, ovvero quegli infernali dispositivi applicati sui semafori che consentivano l'immediata contravvenzione a chi fosse passato con il rosso.Questa l'intenzione. La realtà fu invece che si accertò che la durata del segnale giallo non era pari ai dovuti 5-6 secondi ma bensì ridotta illegalmente ai 3,5 -3,9 secondi. Questa semplice riduzione di tempo costò ai cittadini casertani un numero incredibile di multe. Oltre a ciò la beffa perché le sanzioni inflitte erano per il 70% incassate non dal Comune ma dalle società che avevano installato gli infernali dispositivi.Dopo molti esposti presentati dal Codacons Caserta e centinaia di migliaia di multe elevate, il Comune di Caserta, onde evitare processi penali così come accaduto per altri 14 Comuni della Provincia, ha disinserito i traffiphot.Sembrava che potesse iniziare un nuovo corso, una nuova trasparenza nei rapporti tra il Comune ed i cittadini ed invece l'Ente se ne è inventata un'altra: VARCO ATTIVO - VARCO NON ATTIVO. Tale dizione non è presente nel codice della strada. Si tratta di una formula ambigua per indurre in errore il cittadino ed elevargli una salata contravvenzione pari a ? 80,00. Questa volta il Comune di Caserta non è l'inventore di questa ennesima truffa ai cittadini in quanto ha copiato da altri Comuni quali quelli di Roma, Gaeta, Perugia etc. Tanti sono i cittadini che si sono rivolti alla nostra associazione per far rilevare l'inganno ricevuto. È chiaro che leggendo la scritta VARCO ATTIVO - VARCO NON ATTIVO qualunque persona di media intelligenza o come cita il codice, qualunque "buon padre di famiglia" ritenga che il passaggio della propria autovetture nella ztl sia legittimo. Invece no, l'inganno è clamoroso ed è l'ennesimo torto che noi casertani ci ritroviamo a sopportare.Caro Sindaco Del Gaudio, ci appelliamo al Suo buon senso ed alla Sua invocazione alla trasparenza degli atti amministrativi che ha lanciato nella campagna elettorale che l'ha vista eletto affinché:A)Modifichi la dizione sostituendo "VARCO ATTIVO - VARCO NON ATTIVO" con una dizione conforme al codice della strada;B)Evidenzi, così come in tutti i varchi delle ztl presenti nel 99% delle città d'Italia con cartelloni alti almeno un metro, posti in luoghi visibili, l'esistenza della ztl e del suo regolamento.Siamo certi che il nostro Sindaco interverrà al più presto e non ci farà ripercorrere i tempi bui trascorsi durante i quali il Comune di Caserta risultò al primo posto in Italia per contravvenzioni elevate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Codacons contesta il dispositivo 'Varco Attivo - Varco Non Attivo'

CasertaNews è in caricamento