menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giugno in risalita per il mercato dellauto (3,8%), ma i volumi rimangono bassi

(Torino) Secondo i dati pubblicati oggi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, a giugno il mercato italiano dell'auto totalizza 127.489 immatricolazioni, pari al 3,8% in più rispetto a giugno dello scorso anno. Nel primo semestre 2014...

(Torino) Secondo i dati pubblicati oggi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, a giugno il mercato italiano dell'auto totalizza 127.489 immatricolazioni, pari al 3,8% in più rispetto a giugno dello scorso anno. Nel primo semestre 2014, i volumi immatricolati si attestano a 756.818 unità, il 3,3% in più rispetto al primo semestre 2013.
"La raccolta ordini positiva degli scorsi mesi ha riportato in rialzo le immatricolazioni a giugno, anche se con volumi non molto elevati - ha commentato Roberto Vavassori, Presidente di ANFIA. Si consideri, infatti, che il confronto avviene con un giugno 2013 che aveva totalizzato appena 122.815 unità, risultato mai così basso, per questo mese, dal lontano 1978 (99.127 unità)1.
Del resto, il ritmo di espansione dell'attività economica, in questo primo semestre dell'anno, è stato modesto e continua ad essere condizionato dalle difficoltà di accesso al credito da parte delle imprese e dalla debolezza del mercato del lavoro. I comportamenti di spesa dei consumatori, quindi, continuano ad essere orientati alla prudenza, complici la crisi dei redditi e gli elevati costi legati al possesso e all'utilizzo dell'auto. Lo dimostrano i dati: nel periodo gennaio-maggio 2014, le vetture intestate a persone fisiche rappresentano solo il 59,3% di tutto l'immatricolato, pari a 2,7 punti in meno rispetto alla quota di un anno fa. Le vetture intestate ad aziende (società, leasing, noleggio, taxi) sono il 40,7%, il noleggio registra una crescita del 20% e una quota che passa al 23,6% dal 20,3% di un anno fa.
Ribadiamo, quindi - ha concluso Vavassori - l'importanza di rendere più facile l'accesso al credito per chi desideri acquistare un'auto nuova e, riguardo al segmento delle auto aziendali, di favorire l'adeguamento della loro quota di mercato in Italia ai livelli degli altri maggiori Paesi europei, puntando su una maggiore detraibilità dell'IVA e deducibilità fiscale dei costi. Intanto, i dati a consuntivo del 2013, ci dicono che il parco circolante italiano continua ad invecchiare: l'età mediana, in aumento rispetto al 2012, è arrivata a 12 anni e 2 mesi per le auto a benzina e a 7 anni e 7 mesi per le auto diesel".
Secondo l'indagine ISTAT, a giugno l'indice del clima di fiducia dei consumatori (base 2005=100) cala leggermente, passando da 106,2 del mese precedente a 105,7. Riguardo alla situazione economica del Paese, i giudizi sulle condizioni attuali migliorano (il saldo passa a -77 da -81), mentre per le attese si rileva un lieve miglioramento (il saldo passa a 11 da 10). Le valutazioni sull'opportunità di acquisto di beni durevoli mostrano un peggioramento dei giudizi sulla convenienza all'acquisto immediato (a -76 da -70 il saldo) e anche per le intenzioni future di acquisto si registra una diminuzione, con il saldo che arriva a -82 da -74 di maggio.
Secondo i dati provvisori ISTAT, inoltre, l'indice nazionale dei prezzi al consumo aumenta dello 0,1% rispetto al mese precedente e dello 0,3% nei confronti di giugno 2013, in rallentamento rispetto a maggio 2014 (+0,5%). Tra le componenti che incidono su questo calo dell'inflazione, abbiamo anche la decelerazione della crescita su base annua dei prezzi dei Beni energetici non regolamentati, (+0,4%, dal +0,8% di maggio), anche per effetto del confronto con un giugno 2013 in cui il rialzo congiunturale dei prezzi fu pari allo 0,5%. I prezzi dei carburanti presentano, comunque, andamenti diversi. Il prezzo della Benzina aumenta dello 0,5% in termini sia congiunturali sia tendenziali, con un rallentamento della crescita su base annua di sei decimi di punto percentuale rispetto a maggio (+1,1%), cui contribuisce il confronto con giugno 2013, mese in cui si registrò, invece, un rialzo congiunturale più elevato (+1,1%). Il prezzo del Gasolio segna un aumento modesto (+0,1%), e il relativo tasso tendenziale scende allo 0,4% (da +1,3% del mese precedente); anche in questo caso la decelerazione della crescita è risultato del confronto con giugno 2013, quando si rilevò un aumento congiunturale maggiore (+1,0%). I prezzi degli Altri carburanti diminuiscono su base mensile dello 0,4% - per effetto del ribasso del GPL - e, dopo nove mesi consecutivi di flessione, mostrano una pur lieve crescita a livello tendenziale (+0,1%; era -2,3% a maggio).
Secondo l'anticipazione dello scambio di dati tra ANFIA e UNRAE, a giugno 2014 gli ordini raccolti ammontano a oltre 117.000, quasi il 7% in più rispetto a giugno 2013. Il primo semestre 2014 ha chiuso con 756.000 contratti, circa l'8% in più rispetto al primo semestre 2013.

Le marche nazionali, nel complesso, totalizzano nel mese 34.728 immatricolazioni (+3%), mentre nel primo semestre 2014 i volumi ammontano a 213.002 unità (-0,4%). I marchi di Fiat Group Automobiles (escludendo Ferrari e Maserati) totalizzano 34.570 immatricolazioni nel mese (+2,8%) e 211.995 immatricolazioni (-0,6%) nei primi sei mesi dell'anno. Segno positivo, a giugno, per i marchi Fiat (+4,7%), Jeep (+42,9%) e Maserati (+460%). Anche Lamborghini chiude il mese in rialzo (+250%). Nei primi sei mesi del 2014, risultati positivi per Fiat (+0,7%), Jeep (+36%) e Maserati (+596%). Sono sempre cinque i marchi italiani presenti nella top ten dei modelli più venduti a maggio. Si conferma in testa alla classifica Fiat Panda (8.654 unità), seguita, in seconda posizione, da Fiat 500 (5.813), che risale di due posti rispetto al mese precedente, e da Fiat 500L (5.047). Al quarto posto troviamo Fiat Punto (4.915), che conquista quattro posizioni rispetto alla top ten di maggio, mentre si colloca al sesto Lancia Ypsilon (4.142). Conduce ancora una volta la classifica delle dieci auto diesel più vendute nel mese Fiat 500L (3.682 unità) seguita, in quinta posizione, da Fiat Panda (1.858). Al nono posto troviamo, infine, Fiat Punto (1.445).
Resta sui livelli dello scorso anno, infine, il mercato dell'usato, che a giugno totalizza 322.909 trasferimenti di proprietà al lordo delle minivolture a concessionari (+0,2%). Il consuntivo del primo semestre 2014 risulta in leggero ribasso (-1,4%) rispetto al primo semestre 2013, per un totale di 2.110.326 unità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

social

Gomorra 5, riprese nel Casertano: fan in delirio

Attualità

Il Comune installa gli autovelox. “Troppi incidenti”

Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il violento impatto poi le fiamme, bilancio pesante: morto e feriti

  • Cronaca

    Boom di guariti nel casertano in 24 ore ma ci sono 5 vittime

  • Cronaca

    Pizzo all'imprenditore, 2 arresti. "I soldi per Zagaria e 'ndrangheta"

  • Incidenti stradali

    Pasquale e Chiara tornano a casa dopo la tragedia in Toscana

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento