Il palazzo è pericolante, il bar costretto a chiudere | FOTO

L’incredibile situazione che si è venuta a creare a corso Trieste

Il crollo di calcinacci, la necessità di mettere in sicurezza l’area e le difficoltà a contattare il proprietario di un appartamento con un bar che è costretto a stare chiuso da una settimana senza possibilità di lavorare. E’ l’incredibile situazione che si è venuta a creare sul corso Trieste dove, nello scorso week end, un crollo di calcinacci ha provocato la contestuale chiusura del Bar Tropicana, che, da allora, non ha ancora riaperto i battenti. Tutta colpa di alcuni lavori necessari per mettere in sicurezza il palazzo (soprattutto il tetto) dopo l’intervento dei vigili del fuoco, che però ancora non sono stati realizzati. E così un bar è costretto a stare chiuso da una settimana, coi dipendenti “lasciati a casa” per ovvi motivi e senza possibilità di lavorare. Un problema che riapre la discussione su quelli che sarebbero gli interventi da attuare, con tanto di programmazione, su buona parte degli edifici storici presenti nel Comune Capoluogo, dove spesso purtroppo si verificano distacchi di pezzi di pietre dai palazzi più antichi che, purtroppo, sui quali quasi mai viene fatta manutenzione per evitare queste conseguenze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Antonietta, l'ingegnere casertano che ha rifiutato le offerte del Nord ed ha reinventato l’Ingegneria Clinica della Federico II

  • Caterina Balivo ad Aversa tra piatti da lavare e gran caldo

  • Violento temporale sul casertano: strade allagate. E' già caos | FOTO E VIDEO

  • Bomba di caldo, ecco le città casertane più ‘hot’. Ma c'è in arrivo la pioggia

  • Il pentito: "Ho permesso di spacciare nella piazza che i Belforte mi avevano lasciato dopo gli omicidi"

  • Il compagno di scuola pentito: "Autorizzato a spacciare con una mia lettera"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento