Rapporto Ecosistema Urbano, Marino: "Raccolta differenziata oltre il 50%"

Il sindaco fornisce dati diversi dallo studio di Legambiente

Nonostante i dati del rapporto Legambiente “Ecosistema Urbano” pongano Caserta come maglia nera della Campania, il sindaco Carlo Marino vede il bicchiere mezzo pieno. “C’è ancora tanto lavoro da fare, ma si intravedono i primi segnali incoraggianti di ripresa. Dobbiamo continuare su questa strada e presto risaliremo la classifica in maniera veloce”, è il commento del primo cittadino.

Caserta vede guadagnare sei posizioni rispetto allo scorso anno (dal 101° posto si passa al 95°), mentre l’indagine si basa su 16 parametri divisi nelle macroaree Aria, Acqua, Rifiuti, Energie rinnovabili, Mobilità e Ambiente urbano.

“Da quando ci siamo insediati, ovvero nel giugno 2016 – ha aggiunto Marino – abbiamo centrato alcuni importanti obiettivi sotto il profilo della sostenibilità ambientale”. Tra questi il sindaco mette la raccolta differenziata, “salita di dieci punti percentuali, superando abbondantemente il 50%”, ma il rapporto Legambiente la stima al 48%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Inoltre – continua Marino - abbiamo ampliato la Zona a traffico limitato, estendendola a via Gasparri, e a gennaio saranno coinvolte anche Corso Giannone e altre arterie limitrofe del centro storico. Questi provvedimenti ci consentiranno di migliorare anche sotto il profilo della qualità dell’aria, un punto dolente assieme alla presenza esigua delle piste ciclabili. A tal proposito, abbiamo presentato un progetto presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e presto avremo un sensibile miglioramento anche sotto questo profilo. Purtroppo, non risultano ricevuti i nostri dati relativi alle categorie ‘Verde Urbano’, ‘Consumo Acqua’ e ‘Dispersione Rete’, che ci avrebbero consentito di guadagnare molte posizioni in classifica. Basti pensare, relativamente al verde, che in città esistono oltre 5mila alberi, senza conteggiare il Parco della Reggia e i Giardini della Flora”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuole chiuse in Campania fino al 30 ottobre per il coronavirus

  • Coronavirus, 120 nuovi contagi ed un'altra vittima nel casertano

  • Nuovo record di contagi nel casertano: 135 casi in un giorno

  • Il Covid colpisce ancora: 187 nuovi positivi nel casertano

  • Doppiato il record di contagi: 284 casi e 2 decessi nel casertano

  • Sfondata quota 1000 casi in Campania: superato il ‘limite lockdown’ annunciato da De Luca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento