menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20110117071511_Alberi

20110117071511_Alberi

Alberi ed Amore Esistenziale in strada

Napoli - Due pini che dopo aver lavorato un intero Natale 2010 e capodanno 2010-2011 si ritrovano senza un lavoro né una casa e senza famiglia, orfani e abbandonati sul ciglio di una strada … e dopo aver sgobbato un intero Natale alle prese con...

Due pini che dopo aver lavorato un intero Natale 2010 e capodanno 2010-2011 si ritrovano senza un lavoro né una casa e senza famiglia, orfani e abbandonati sul ciglio di una strada ? e dopo aver sgobbato un intero Natale alle prese con regali di tutti i tipi, dopo essere stati sradicati dal loro boschetto e deprivati di permesso di soggiorno, alberi che sono stati "addobbati ingiustamente" e che sono stati legati, quasi torturati da fili luminosi ? a intermittenza ? Sorbendosi le abbuffate a tavola di conviviali tristi e decadenti, in ambienti ovattati; "come quelli vomeresi", della Napoli cosiddetta; " Napoli Bene". E' bene è lontano il concetto di comunismo autentico, perché i comunisti a Napoli sono tutti Borghesi o con aspirazioni Borghesi,e i pini ne sono la testimonianza, la testimonianza della mancanza di sensibilità verso la natura, la natura usata come oggetto e poi abbandonata a se stessa, quasi fosse uno strumento inanimato, morto nelle mani dell'uomo contemporaneo.
Questi i pini che ci ricordano oramai la lontana: "lotta di classe" che è riservata solo alla natura oggi e non più all'uomo! Questi i pini che resistono ancora all'omologazione culturale, vero sottoproletariato urbano, che solo grazie all'amore possono ritrovare la loro dignità stuprata e i propri diritti calpestati, su di una strada grigia come tante. Oh amore ? amore che supera ogni barriera sociale, amore che rende tutto nobile e infinito ? amore giusto e bello, dignitoso, giusto al contempo stesso ? poiché sempre l'amore vero non nasce dalla retorica, l'amore e libertà e reciprocità, non discriminazione o abbandono e nemmeno preconcetto piccolo-borghese. Eccoli là i nostri amici pini, che abbandonati su Via Luca Giordano, quasi all'altezza della Floridiana, cercano invano l'ultimo abbraccio, l'ultimo sospiro, l'ultima speranza che è anelito alla vita e alla lotta che è lontana dai salotti e dalla politica di palazzo. che invece custodisce alberi protetti. Tutta questa scena sta a ricordarci che la discriminazione nei confronti dei pini deve cessare, che la politica è Truffa e bugia consacrata alla retorica, svilente e che svilisce ogni slancio puro, autentico, generoso. I pini non sono consapevoli ? o forse no ? noi uomini non conosciamo il profondo sentire della natura e la sua anima pulsante, l'anima dei pini ama e si protende oltre il mondo delle apparenze, con uno slancio amoroso che non conosce tregua e con una autenticità che non appartiene più agli uomini, una autenticità che è eternità dell'anima e intreccio di parole vere non falsità e sotterfugio. Questi pini sono una "poesia vivente", sono l'inno alla gioia e ci indicano la via, l'amore non può essere comprato e in questa società corrotta contemporanea questo non accade più, allora la dignità dei pini supera quella dell'egoismo meccanicista umano, i pini sono superiori agli uomini in questa scena ? sradicati, usati, abbandonati si protendono verso l'infinito futuro della loro futura reincarnazione per chi ci crede, tutto in resto è noia, lungaggine descrittiva, narcisismo, morte civile, ripetizione, falsità e omologazione ? e qui ed ora in questa città puzzolente e arretrata sono rimasti solo gli slogan elettorali di gente e politici che sono solo figure retoriche, morti viventi, legati alle poltrone e alla loro livida noia che chiamano: progresso sociale, libero pensiero, ecologia ? tutta retorica di partito che serve a conservare se stessi come piccoli narcisi e nulla più ? i pini sono vivi anche se sembrano ad un passo dalla morte, i concittadini sembrano vincenti e sono già morti ? (Il deserto cresce; guai a colui che cela deserti dentro di sé ) F. Nietzsche.
Ed io ho scelto Nietzsche come educatore, non come maestro

Poema post-natalizio :

I pini abbandonati
Pini solitari ? silvestri
Abbandonati sul ciglio di una strada
Soli ma con un cuore invisibile ? immenso
Amatevi e insegnate l'amore
A questo povero e ricco quartiere superbo e solo
Dove tristi uomini si accalcano fuori i negozi
sono morti senza nemmeno vivere
Senza essersene accorti
Verdi eterni respiri d'alberi

Liberate l'umanità dalle loro catene
Liberateci tutti

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento