menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Conferenza servizi per adeguamento cementificio Cementir alla normativa vigente

Maddaloni - Nota stampa inviata da Giovanna Maietta (Associazione Caserta Bene Comune), Michele Venturino (Comitato per la Salute Pubblica di Maddaloni) e Antonio Cuomo(Comitato per la Vivibilità di Maddaloni): "Si è tenuta oggi la conferenza di...

Nota stampa inviata da Giovanna Maietta (Associazione Caserta Bene Comune), Michele Venturino (Comitato per la Salute Pubblica di Maddaloni) e Antonio Cuomo(Comitato per la Vivibilità di Maddaloni): "Si è tenuta oggi la conferenza di servizi per l'adeguamento del cementificio della Cementir alla normativa vigente. Tutto da rifare per l'autorizzazione integrata ambientale che gli enti competenti dovranno rilasciare alle attività della Cementir in Maddaloni. L'AIA è una procedura assai complessa finalizzata all'abbattimento delle emissioni inquinanti delle industrie insalubri. Finora l'azienda non è riuscita ad adeguarsi perché inadempiente alle integrazioni richieste dagli enti decisori. Inoltre l'inizio della conferenza di servizi risale al 1 gennaio 2008, sospesa per la procedura di Valutazione impatto ambientale, ancora in corso, ai fini dell'incenerimento dei rifiuti nel cementificio. Ad oggi non essendo pervenuto il parere VIA per poter procedere all'autorizzazione per abbattere l'inquinamento ai sensi della direttive comunitarie, si dovrà stralciare dal progetto, l'intervento di incenerimento dei rifiuti. L'Arpac e l'università, hanno chiesto alla Cementir la presentazione di un progetto ex novo aggiornato al 2010 che dovrà essere pronto entro 90 giorni. Presenti al tavolo di conferenza vi erano la Regione, la Provincia, il Comune di Maddaloni, la ASL, L'Arpac, l'Università, alcuni tecnici e rappresentanti della Cementir e i Comitati civici di Caserta e Maddaloni. Mancava il Comune di Caserta, segno che il commissariamento non può sostituire il ruolo importante che l'amministrazione del Comune capoluogo aveva assunto in merito a tale problematica. La Cementir tornerà dunque con un progetto riformulato e dal quale avrà stralciato l'intervento di incenerimento di rifiuti, ma qualora entro questi 90 giorni dovesse arrivare un altro parere favorevole della Regione, il nuovo progetto dell'azienda potrebbe includere l'incenerimento di rifiuti, tanto più che la Provincia non ha mai provveduto ad annullarne l'autorizzazione rilasciata nel 2008 e attualmente di nuovo sospesa a tempo indeterminato e finchè la Cementir non adeguerà l'impianto".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento