menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giacomelli: nessuna responsabilit Comune su ritardi procedure costruzione termovalorizzatore

Napoli - Con riferimento alle dichiarazioni rese da Salvatore Ronghi sulle presunte inadempienze del Comune di Napoli in merito alla realizzazione del termovalorizzatore si evidenzia che, contrariamnte a quanto si assume, l'Amministrazione...

Con riferimento alle dichiarazioni rese da Salvatore Ronghi sulle presunte inadempienze del Comune di Napoli in merito alla realizzazione del termovalorizzatore si evidenzia che, contrariamnte a quanto si assume, l'Amministrazione Comunale ha sino ad oggi posto in essere tutte le attività di sua competenza per giungere in tempi rapidi al conseguimento di tale obiettivo.

In particolare:
- nel febbraio 2009 è stato sottoscritto un accordo di programma tra la Struttura del Sottosegretariato di Stato all'emergenza rifiuti in Campania e l'ASIA Napoli s.p.a. al fine di coordinare le attività volte ad assicurare in termini di massima compiutezza il ciclo di gestione integrata dei rifiuti.
L'ASIA, così' come previsto nell'accordo:
1) ha costituito nel mese di marzo del 2009 una società ad hoc dedicata alla progettazione, costruzione e gestione dell'impianto di termovalorizzazione di Napoli di cui sarà inizialmente totalmente proprietaria;
2) 2) ha insediato nel mese di maggio il comitato di esperti incaricati di elaborare il progetto di massima;
3) 3) ha predisposto una bozza del disciplinare tecnico e gli atti necessari a bandire la gara per la selezione del miglior partner industriale disponibile a cui sarà ceduto fino ad un massimo del 49% della società di scopo di cui sopra.
L' accordo di programma prevedeva altresì che la Struttura del Sottosegretariato acquisisse la disponibilità delle aree oggetto di intervento per assicurare la tempestività dell'approntamento del cantiere. Le aree però non sono state trasferite, cosicchè Comune e Provincia hanno inoltrato congiuntamente, nel mese di giugno 2010, la richiesta all'Assessore all'Ambiente della Regione Campania per la definizione delle attività prodromiche alla concessione del diritto di superficie al Comune di Napoli sulle aree di proprietà della Regione Campania.
Nel mese di agosto, la Giunta della Regione ha deciso di concedere al Comune di Napoli il diritto di superficie, per un periodo di 60 anni, sull'area di circa 8 ettari sulla quale dovrà sorgere il termovalorizzatore ed ha approvato la bozza di protocollo d'intesa tra Regione, Provincia e Comune per la sua realizzazione;

La delibera è stata notificata al Comune il 27 settembre 2010. dopo solo 3 giorni, la Giunta Comunale ha approvato lo schema di protocollo d'intesa predisposto dalla Regione.
La cronologia degli avvenimenti dimostra che non c'è alcuna responsabilità del Comune nei ritardi delle procedure per la realizzazione del termovalorizzatore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Nel casertano nuova impennata delle vittime del Covid: 15 in 24 ore

  • Cronaca

    Caserta ancora 'leader' per i vaccini: somministrate 194mila dosi

  • Cronaca

    Processo Pineta Grande, Schiavone "rompe" il silenzio in aula

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento