menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riuscito convegno del Wwf su 'Salute e stili di vita'

Carinaro - Il primo convegno "RIFIUTI SALUTE E STILI DI VITA", organizzato dal WWF agro aversano-Napoli nord e litorale domizio, dichiara il dott. Francesco Autiero, Presidente del WWF locale e moderatore dell'incontro, ha visto la partecipazione...

Il primo convegno "RIFIUTI SALUTE E STILI DI VITA", organizzato dal WWF agro aversano-Napoli nord e litorale domizio, dichiara il dott. Francesco Autiero, Presidente del WWF locale e moderatore dell'incontro, ha visto la partecipazione di un centinaio di persone a Carinaro, presso la sala convegni della Chiesa di S. Eufemia.Tra gli altri si è avuto anche il contributo del Sindaco di Carinaro, dott. Mario Masi e di Assessori e consiglieri dello stesso comune, oltre che di tanti cittadini di tutto il comprensorio aversano e nord napoletano.L'apertura dei lavori è stata eseguita da Sossio Bencivenga, storico attivista volontario del WWF, che ha recitato una bellissima poesia ambientalista e poi un discorso generale sullo stato di distruzione del nostro ambiente.
Si è discusso del problema sanitario legato all'inquinamento da rifiuti tossici e speciali sversati nel territorio dell'agro aversano e nell'area di Giugliano.
Gli interventi prima del dott. Alessandro Gatto (biologo ambientale e Presidente del WWF Campania) e poi del dott. Antonio Marfella (Oncologo e farmacologo dell'Istituto Pascale di Napoli), hanno evidenziato come il problema dell'inquinamento ambientale sia strettamente correlato all'aumento di alcune patologie.
Gatto ha illustrato l'impegno esattamente ventennale del WWF nell'agro aversano e nell'area a nord di Napoli per cercare di denunciare e frenare il fenomeno dello sversamento abusivo di rifiuti e dello smaltimeto illecito degli stessi (con pratiche pericolosissime come l'incenerimento e lo sversamento in discariche non specializzati di rifiuti pericolosi e speciali).
Marfella, invece si è soffermato sull'analisi dell'incidenza di alcuni tipi di tumori che stanno aumentando esponenzialmente proprio nei territori dell'avesano e del nord napoletano. Questi tumori, ha spiegato Marfella, sono di chiara matrice ambientale, come ad esempio il tumore alla vescica.

Il convegno aveva anche il senso di portare qualche proposta operativa per la soluzione anche parziale del problema. In primo luogo è stato distribuito l'opuscolo "Meno e Meglio" (allegato al presente comunicato), per offrire spunti pratici a tutti i cittadini per iniziare pratiche quotidiane di riduzione dei rifiuti.
Poi è stato concluso l'incontro da Alessandro Gatto con la proposta dell'agricoltura "NO FOOD", ossia il progetto di riconvertire le zone inquinate dei territori dell'aversano e del giuglianese da agricole per la produzione di alimenti per uso umano e/o animale (PRO FOOD) verso un agricoltura che non sia più destinata all'alimentazione umana e/o animale (NO FOOD), come ad esempio canapa, lino, cotone, pioppeti, fiori, ecc. per contniuare un'economia agricola tendando anche di offrire un parziale inizio di bonifica dei territori inquinati che altrimenti dovrebbero restare incolti ed improduttivi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Mille “furgoni lumaca” in autostrada contro le chiusure

  • Cronaca

    Nuovi 228 positivi scoperti nel casertano. Morti 3 pazienti

  • Attualità

    Senatore casertano positivo al coronavirus

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento