menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20090919065827_maroni_ministro

20090919065827_maroni_ministro

Rifiuti, scioglimento comuni: le reazioni dei sindaci

Caserta - Reazioni diverse e spesso confuse all'indomani della firma di scioglimento dei tre comuni casertani (Maddaloni, Casal di Principe e Castel Volturno) apposta dal Presidente Napolitano e su proposta del Ministro dell'Interno Maroni. Se il...

Reazioni diverse e spesso confuse all'indomani della firma di scioglimento dei tre comuni casertani (Maddaloni, Casal di Principe e Castel Volturno) apposta dal Presidente Napolitano e su proposta del Ministro dell'Interno Maroni. Se il provvedimento fa titolare la rimozione con l'appellativo di "Comuni zozzoni" al giornale on line "Il Padano", i sindaci non ci stanno e vanno all'attacco confermando la loro volontà di ricorrere al Tar. Durissimo il sindaco di Castel Volturno, già dimissionario, che parla di ingiustizia e aggiunge: "dopo aver rischiato la vita per combattere la camorra, il malaffare e la violenza cieca e per affermare la legalità, venga negata la correttezza del mio comportamento sotto l'aspetto etico e giuridico, sia pure con specifico riguardo al settore dei rifiuti.

"La vera difficoltà - spiega il sindaco di Casal di Principe - sta nello spiegare quanto accaduto ai cittadini. Non l'ho capito io il provvedimento e faticherò a spiegarlo agli altri. Dinanzi a decisioni del genere il sindaco fatica ad avere fiducia". Il sindaco di Maddaloni, Michele Farina, si augura "che bombe ecologiche presenti in provincia di Caserta e in regione Campania possano essere presto rimosse e non vengano rimossi i sindaci democraticamente eletti".
Infine le reazioni dell'associazionismo ambientale. Per il presidente di Legambiente Campania, Michele Buonomo, si tratta di una "misura tardiva e inutile, quasi una vendetta postuma". Per il presidente casertano del Wwf, Lello Lauria, lo scioglimento di questi tre comuni può essere un monito per le altre amministrazioni. Entrambi, però, concordano che bisogna fare di più sul fronte della raccolta differenziata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento