Martedì, 16 Luglio 2024
Ambiente

Mantenuti impegni Meeting internazionale sulla Caccia

Salerno - Approda ad una lieta conclusione la problematica sorta in merito alla possibilità dei cacciatori campani di potere esercitare la loro attività nelle aree cosiddette “SIC e ZPS”. Mantenuti, quindi, gli impegni presi durante i 3 giorni di...

Approda ad una lieta conclusione la problematica sorta in merito alla possibilità dei cacciatori campani di potere esercitare la loro attività nelle aree cosiddette “SIC e ZPS”. Mantenuti, quindi, gli impegni presi durante i 3 giorni di lavori del “Primo Meeting internazionale sulla Caccia” di Nocera inf. in cui l’assessore regionale Luigi Nocera, il consigliere regionale Salvatore Arena e l’assessore provinciale alla caccia Carmine Cennamo promettevano di trasferire in sede regionale la forza di una protesta che ha coinvolto tutta la provincia di Salerno.
E difatti, la deliberazione di giunta regionale n. 23 del 19 gennaio ha dato seguito anche al tavolo tecnico del 24 novembre 2006 voluto dall’assessore alla caccia della provincia di Salerno, tra i rappresentanti delle 5 province ed i dirigenti regionali nonché, ovviamente, l’assessorato regionale al ramo, sciogliendo il nodo creato dal Comitato per le aree naturali protette, che, con la deliberazione del 2 dicembre 1996, di fatto assoggettava le aree suddette – che in regione Campania coprono un area di circa 578 mila ettari – ai rigidi divieti previsti dalla normativa per le aree protette dei Parchi Naturali.
Finalmente, con il succitato provvedimento regionale, la Campania adotta la propria legislazione di settore, sostituendo in toto gli effetti prodotti dalla lacuna legislativa che aveva ridotto in una difficile e molto delicata situazione cacciatori, forze dell’ordine e rappresentanti politici.
La determinata e concreta iniziativa dell’assessore Cennamo, forte del compatto sostegno del mondo venatorio salernitano, ha dunque consentito di ottenere il risultato sperato da anni e che fissa in maniera chiara le norme che faranno da guida per migliaia di utenti.“La concertazione ed il buon senso – ha commentato l’assessore Cennamo – hanno avuto ragione di un problema serio che rischiava di diventare molto grave. La regione ha mantenuto le promesse fatte in sede di tavolo tecnico con le province campane e noi assessori provinciali abbiamo tenuto fede agli impegni presi con le associazioni venatorie che ci hanno accompagnato con vigore.Non posso, in ogni caso, dimenticare il sostegno avuto anche in questa fase delicata, dagli assessori regionali Andrea Cozzolino e Luigi Nocera, cui va il mio più sincero ringraziamento per la determinazione e l’impegno dimostrati per una causa di grande rilevanza che riguarda non solo il mondo venatorio ma anche quello ambientale; ribadisco, infatti, quanto ho sempre sostenuto: la caccia ben disciplinata è un valido sostegno alle problematiche ambientali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mantenuti impegni Meeting internazionale sulla Caccia
CasertaNews è in caricamento