Fare lapicoltore, e' redditizio?, se ne discute sabato a Vairano

Vairano Patenora - E' la domanda che si pongono la stragrande maggioranza delle persone che si avvicinano all'attività apistica. Ma è anche lo spunto di riflessione dell'evento che vedrà riunirsi semplici appassionati, hobbisti e apicoltori sabato...

074238_apicultore

E' la domanda che si pongono la stragrande maggioranza delle persone che si avvicinano all'attività apistica. Ma è anche lo spunto di riflessione dell'evento che vedrà riunirsi semplici appassionati, hobbisti e apicoltori sabato, 30 maggio, a partire dalle ore 9:30 presso la sede del Consorzio Nazionale Produttori Apistici (CoNaProA) in via Niccolò Copernico a Vairano Patenora.L'evento, dal titolo "Fare l'apicoltore, è redditizio?", promosso dall'Associazione Interprovinciale Apicoltori Casertani e Napoletani (AIACeNa), è stato realizzato con il patrocinio della Regione Campania, Assessorato all'Agricoltura e alle Attività Produttive, in collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e cofinanziato dall'Unione Europea nell'ambito di un programma finalizzato al miglioramento della produzione e commercializzazione del miele 2014-2015.
Ad introdurre i lavori Riccardo Terriaca, presidente del Guppo Paritetico VolAPE, mentre nel vivo dell'argomento entrerà Pier Antonio Belletti, docente dell'Università di Udine, presidente del Consorzio di Gorizia e apicoltore professionista. Mentre le conclusioni saranno affidate a Gennaro Granata, vicepresidente del CoNaProA.L'apicoltura è un'attività economica, in grado di offrire opportunità di lavoro, a giovani e meno giovani?E' vero che l'investimento in apicoltura ha un indice di redditività elevatissimo?Insomma, conviene fare l'apicoltore?
Il più delle volte, la risposta che viene data a queste domande è rassicurante, positiva, tutta orientata a consigliare gli investimenti apistici. Poi, però, quando si parla con apicoltori di lungo corso o si aprono pagine internet dedicate all'apicoltura, si scorge un settore in difficoltà, che soffre problematiche produttive e sanitarie, con bilanci che fanno fatica a chiudere in attivo alla fine dell'anno. Sempre, però, le affermazioni che si leggono o ascoltano, favorevoli o critiche alla valutazione sulla convenienza dell'apicoltura, non si accompagnano a valutazioni analitiche supportate da procedure e fonti di attendibilità scientifica. Le ricerche, in tal senso, infatti sono poche, incomplete, non sempre scientificamente attendibili. Eppure dovrebbero essere lo strumento di base da offrire a chi si vuole cimentare per la prima volta nell'attività apistica. Così come dovrebbero essere lo strumento di base per chi, già apicoltore, vuole "leggere" l'andamento economico della propria azienda nell'ottica di fare una valutazione critica di contesto e/o aziendale.
Pier Antonio Belletti è uno dei pochi esperti che, invece, ha indagato l'aspetto dell'economia dell'azienda apistica, in maniera seria, con approccio scientifico ma non perdendo mai di vista l'osservazione di campo. Ricercatore universitario, Presidente di Associazione apistica, apicoltore professionista, rappresenta la fonte informativa più attendibile in questo momento disponibile in Italia in materia di analisi di redditività dell'azienda apistica.

Potrebbe interessarti

  • Un casertano ai mondiali dei parrucchieri a Parigi

  • Frutti rossi ed anguria per combattere le gambe gonfie e pesanti

  • Trucco illuminante: ecco la nuova tecnica e come applicarla

  • Menopausa: ecco i consigli per viverla con serenità

I più letti della settimana

  • Pentiti ed arresti non hanno scalfito i Casalesi. Ecco la nuova mappa dei clan nel casertano I FOTO

  • Colpo da 'Zara', fermata dai carabinieri con mille euro in vestiti

  • Lutto a Caserta, muore avvocato

  • Trovato morto dalla moglie sotto il porticato di casa

  • Camion 'casertano' si schianta in autostrada e perde il carico | LE FOTO

  • Muore sul campo da calcetto stroncato da un malore

Torna su
CasertaNews è in caricamento